fbpx

Alice nella città: cinema galleggiante e collaborazione con Venezia77

5 minuti di lettura

Alice nella città è una sezione autonoma e parallela della Festa del Cinema di Roma, è quella dedicata alle famiglie e alle nuove generazioni. Si svolgerà in ottobre, ma per l’estate si prevede una grande novità: la realizzazione di un floathing theatre, un’arena galleggiante nel laghetto dell’Eur. L’arena resterà attiva dal 24 agosto al 24 settembre e ospiterà 150 persone. Alice nella città ha già annunciato i primi titoli dei film presenti all’edizione del 2020, ma soprattutto un’inedita collaborazione con la Mostra del Cinema di Venezia per Venezia77.

L’arena galleggiante farà da teatro alle anteprime che si inseriscono nel programma Aspettando Alice e farà parte del progetto Moviement Village. Per vedere i film ci sarà da pagare un biglietto, ma sono in cantiere anche eventi gratuiti, e si dovranno indossare delle cuffie wireless. Non solo anteprime, esordi alla regia e incontri con esponenti del mondo del cinema internazionale. Ci saranno anche cult, rassegne a tema, classici e film di genere. L’iniziativa a incontrato presto il favore di Alberto Sasso, presidente di Eur Spa (società del Parco Centrale del Lago e del Laghetto dell’Eur.

Abbiamo accolto con entusiasmo la proposta di ospitare e collaborare alla realizzazione di questo innovativo progetto, che siamo certi contribuirà a rilanciare questa area della città, sulla quale stiamo investendo importanti risorse, non soltanto nella cura del verde, ma anche nel rivitalizzare l’area con nuove idee, nuovi servizi ed infrastrutture, nella consapevolezza che l‘Eur sia non solo un luogo stupendo dal punto di vista urbanistico ed architettonico, ma anche fortemente attrattivo, curato, inclusivo e sicuro sia per i romani che per i turisti anche internazionali. Una scelta capace di valorizzare il legame che c’è tra l’Eur e il cinema e che guarda al futuro per dare un forte segnale di ripartenza all’insegna di valori che sentiamo fondamentali: la sostenibilità, il paesaggio, l’innovazione e la cultura.

Quali sono i titoli già annunciati

Alice nella città Venezia77

Tra i titoli già annunciati, spicca Mister Link del candidato al premio Oscar Chris Butler. Si tratta di un film d’animazione in stop-motion che arriverà nelle sale italiane dal 17 settembre. Nel film, le voci originali di Zoe Saldana, Hugh Jackman, Timothty Olyphant e Emma Thompson. Tra le anticipazioni del concorso ufficiale di Alice nella città (15-25 ottobre), diretta da Fabia Bettini e Gianluca Giannelli, c’è Gagarine, l’esordio dei registi Fanny Liatard e Jérémy Trouilh. È un urban fantasy ambientato in banlieue che Thierry Fremaux ha voluto nella selezione virtuale di Cannes. Annunciata anche la partecipazione di Il mio corpo di Michele Pennetta, presentato nella sezione Panorama Italia, che quest’anno «sarà più larga, al fianco del cinema italiano, con un taglio nuovo, dinamico e coraggioso». Il film di Michele Pennetta tratta della situazione d’abbandono in cui versa la Sicilia e delle reazioni delle persone che la popolano.

Leggi anche: Venezia77: Leone d’oro alla carriera per Ann Hui e Tilda Swinton

Sintonie: Alice nella città 2020 e Venezia77

Alice nella città Venezia77

Dopo la Cineteca di Bologna in occasione del Festival del Cinema Ritrovato, la Mostra del Cinema di Venezia collabora anche con Alice nella città. Sintonie sarà la linea di ricerca nata dal confronto tra gli organizzatori di Alice nella città 2020 e il Direttore Artistico Alberto Barbera. Una selezione di cinque film di Venezia77 sarà riproposta a Roma, con lo scopo di approfondire tematiche vicine ai giovani. Ogni film sarà raccontato e approfondito attraverso schede didattiche, videorecensioni e bibliografie. Questi mezzi permetteranno alle scuole di costruire con i giovani alunni percorsi tematici legati agli spunti lanciati dalle pellicole. Secondo Barbera, questa collaborazione conferma che «i festival e le istituzioni culturali possono e devono individuare modalità condivise per uscire dall’isolamento provocato dalla pandemia». Solo così si potrà «contribuire alla ripartenza della vita culturale del Paese».


Seguici su Instagram, Facebook e Telegram per scoprire tutti i nostri contenuti!

Agata Iacopozzi

Classe 1998, capitata qui un po' per caso. Sono toscana ma studio al DAMS di Bologna. Ovviamente appassionata di cinema e futura disoccupata. Sono la prova che si può amare Godard indossando t-shirt di Star Wars.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.