fbpx
David 2022

David di Donatello 2022, Sorrentino imbattibile: tutti i vincitori

/
3 minuti di lettura

Dopo l’edizione senza pubblico e quella con i vincitori a casa, quest’anno la 67esima edizione della cerimonia di consegna dei David di Donatello 2022 torna in sala. L’evento condotto da Carlo Conti e Drusilla Foer ha visto fra i canditati molti nomi importanti da Sorrentino con È stata la mano di Dio a Tornatore con Ennio, passando per Mainetti e Freaks Out nella categoria miglior regia. Sorrentino il più premiato, una rivincita dopo l’amaro degli Oscar.

sceneggiatura-di-e-stata-la-mano-di-dio

La presentazione dei candidati è stata presentata da Pilar Fogliati al Quirinale, dove il Presidente Sergio Mattarella ha così commentato:

Il cinema mantiene perennemente presente il ricordo. Il cinema non dimentica naturalmente di essere immerso nella società del suo tempo, nei drammi e negli affanni del suo tempo. La guerra scatenata nel cuore dell’Europa da un’aggressione inaccettabile scuote le nostre coscienze. Il cinema italiano oggi è protagonista nella solidarietà con artisti ucraini, da noi ospitati. La cultura non si ferma. Neppure di fronte alla guerra. La cultura unisce. Supera i confini – limiti che essa non contempla – ed è fondamentale per ricreare condizioni di pace

Presenti e premiate le attrici romane Giovanna Ralli, vincitrice del David alla carriera, e Sabrina Ferilli vincitrice del David speciale 2022, encomiate dal Presidente e presentate come esponenti della cultura, dello spettacolo e dell’industria cinematografica per il loro lavoro e bravura.

Chi ha vinto i David di Donatello

Miglior regia: Paolo Sorrentino (È stata la mano di Dio)

Miglior film: Paolo Sorrentino (È stata la mano di Dio)

Miglior documentario: Ennio, di Giuseppe Tornatore

Miglior montaggio: Ennio, di Giuseppe Tornatore

Miglior compositore: Nicola Piovani (I fratelli De Filippo)

Miglior acconciatura: Freaks Out

Miglior canzone originale: Manuel Agnelli (La profondità degli abissi per il film Diabolik)

Miglior attore protagonista : Silvio Orlando (Ariaferma)

Miglior attrice non protagonista: Teresa Saponangelo (È stata la mano di Dio)

Miglior scenografia: Massimiliano Sturiale e Ilaria Fallacara (Freaks Out)

Miglior attore non protagonista: Eduardo Scarpetta (Qui rido io)

David dello spettatore: Me contro te

David speciale: Sabrina Ferilli

Miglior esordio alla regia: Laura Samani (Piccolo corpo)

Migliori costumi: Ursula Patzak (Qui rido io)

Miglior sceneggiatura originale: Leonardo Di Costanzo, Bruno Oliviero, Valia Santella (Aria Ferma)

Miglior attrice protagonista: Swamy Rotolo (A Chiara)

Miglior autore della fotografia: Daria D’Antonio (È stata la mano di Dio) e Michele D’Attanasio (Freaks Out)

Miglior attore protagonista: Silvio Orlando (Aria Ferma)

Miglior trucco: Diego Prestopino (Freaks Out)

Miglior produttore: Andrea Occhipinti, Stefano Massenzi, Gabriele Mainetti, Mattia Guerra, Rai Cinema

Miglior Cortometraggio: Maestrale di Nico Bonomolo

Migliori effetti visivi: Stefano Leoni (Freaks Out)

Miglior suono: Ennio


Seguici su InstagramTik TokFacebook e Telegram per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

Classe 1996. Siciliana trapiantata a Roma, mi sono innamorata dei libri e delle storie narrate da bambina. Dopo la laurea in Scienze della Comunicazione, ho intrapreso il mio viaggio all'interno del mondo dell'editoria.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[streamweasels layout="status" channels="npcmagazine" game="" team="" ]