fbpx
locandina future film festival 2021

Future Film Festival 2021, il programma completo: videogiochi e animazione a Bologna

Il Festival bolognese torna dopo due anni di assenza e allarga i propri orizzonti

/
46 minuti di lettura

Dopo due anni di inattività, il Future Film Festival di Bologna torna in veste rinnovata per la sua ventunesima edizione. Il tema del Future Film Festival 2021 è Split Screen: il Festival, famoso per aver portato l’attenzione del pubblico sul mondo dell’animazione, indagherà la moltitudine di schermi dai quali siamo circondati oggi. Lo farà attraverso videogioco, realtà aumentata e virtuale, vfx, fumetto e, ovviamente, animazione, considerata nella sua accezione più ampia. Non solo cinema, perché il panorama artistico contemporaneo ci chiama a scoprire luoghi diversi.

Come ha dichiarato la direttrice artistica del Future Film Festival 2021 Giulietta Fara, lo spettatore è ormai spett-attore: è finita l’era del pubblico seduto in sala a guardare lo schermo, perché con quello schermo interagiamo ogni giorno sempre di più. Future Film Festival 2021 parte da queste premesse, ci accompagna nell’esplorazione delle nuove tecnologie e rinnova, inoltre, il suo impegno nell’ambito della promozione di tutti quei prodotti indipendenti validi che non hanno ancora trovato distribuzione.

conferenza stampa future film festival 2021
Conferenza Stampa Future Film Festival 2021
Foto di Agata Iacopozzi per NPC Magazine, ogni riproduzione è da riternersi riservata

La novità del Future Film Festival 2021 è l’estensione, che arriverà fino a Modena nelle giornate dell’1 e 2 dicembre 2021. Proseguirà dall’8 al 12 dicembre a Bologna, come di consueto. Nel programma, eventi e proiezioni per tutti i gusti, dall’animazione per adulti a quella per bambini, passando per incontri con professionisti del settore e anteprime. Vi consigliamo il Making of di Strappare lungo i bordi di Zerocalcare e l’anteprima italiana di The Deer King di Masashi Ando e Naohoko Ueashi, il nuovo film fantasy della Production I.G, distribuito nelle sale italiane da Koch Media.

Si segnala anche l’ARVR Summit (arvrsummit.it), il nuovo evento italiano dedicato alle tecnologie di realtà virtuale e realtà aumentata, che si svolgerà il 9 dicembre al DumBo di Bologna (via Casarini, 19). Per venire incontro alle esigenze attuali, una selezione di film del Future Film Festival 2021 sarà trasmessa su MyMovies.

Il programma dettagliato del Future Film Festival 2021, giorno per giorno

Mercoledì 1 dicembre 2021 a Modena, presso Laboratorio Aperto

Alle 16, l’incontro con l’artista Mister Thoms per parlare di Tilt Brush (nuovo software di Google per la creazione di dipinti in tre dimensioni in realtà virtuale). Applicando l’animazione al wall painting, Mister Thoms crea fantastici mondi virtuali. A seguire, performance di Mister Thoms. Ingresso libero su prenotazione.

Ore 10-18: Saranno a disposizione del pubblico visori per la VR per sperimentare il software Tilt Brush e le esperienze di gamification proposte. Ingresso libero.

Ore 10-13 e 14-18: Game project. Come fare un game project negli ambiti di cultura, turismo, salute e training. Dall’idea al pitch. Workshop a cura di Olivier Mauco, CEO di GameinSociety.  Ingresso su iscrizione.

Ore 20.30: La notte dei corti d’animazione. Due ore non stop dei migliori corti selezionati al Future Film Festival 2021. 

Live performance: METACOMIX, un INSTANT FILM di BASMATI Video.

Classici del fumetto  reinterpretati  in animazione in tempo reale. Musiche Roberto Agus / Spillus remixed Basmati Video. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Giovedì 2 dicembre 2021, a Modena, presso Laboratorio Aperto

Ore 10: Mode on: Gamification. Conferenza sulla gamification, dalle esperienze italiane al Centre Pompidou. Coordina il giornalista Maurizio di Fazio. Partecipano: Fabio Viola, docente ed esperto di gaming; Eleonora Cattogno – Fondazione Alghero Musei Eventi Turismo Alghero – progetto MED GAIMS – ENI CBC MED PROGRAMME 2014-2020; Olivier Mauco, CEO di GameinSociety; Alessandro Furlan, production manager di Altair4 Multimedia; Lara Oliveti, CEO di Melazeta; Maria Grazia Marini, dirigente Ufficio Redazione turistica ed eventi Comune di Ravenna per “Ravenna Hack the City”; Antonella Guidazzoli, head of Visit Lab CINECA. Ingresso libero su prenotazione.

Ore 10-18: Nello spazio saranno a disposizione del pubblico visori per la VR per sperimentare il software Tilt Brush e le esperienze di gamification proposte. Ingresso libero.

Ore 14-18: esperienza TILT BRUSH a cura di Mister Thoms. Spiegazione del software, conoscenza degli strumenti e realizzazione di un artwork. Ingresso su iscrizione.

PIANO TERRA | GROUND FLOOR

Il cinema d’animazione indaga la crisi ambientale 

Ore 20: L’uomo che piantava gli alberi (L’homme qui plantait des arbres) di Frédéric Back, Canada, 1987, 30’.

Presenta Davide Daniza Celli, scrittore, politico e attivista ambientalista. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Mercoledì 8 dicembre 2021, a Bologna

DAMSLab/Auditorium

Ore 10-13: Future Videogames curato e condotto da Ivan Venturi. Prima parte. Una panoramica sui videogiochi made in Italy, proiettati sul grande schermo e raccontati dagli stessi autori, per esplorare le infinite potenzialità narrative e audiovisive del medium del terzo millennio. Ingresso libero su prenotazione.

DAMSLab/Auditorium

Ore 14-16: Future Videogames curato e condotto da Ivan Venturi. Seconda parte. Ingresso libero su prenotazione.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 14.30: The crossing (La traversée) di Florence Miailhle, Francia, 2021, 84’, V.O. con sottotitoli italiani

Un villaggio saccheggiato, una famiglia in fuga e due bambini smarriti sulla via dell’esilio. Il film, il primo di Florence Miailhe e realizzato con la tecnica della pittura animata, racconta la storia di Kyona e Adriel, che cercano di trovare un paese che li ospiti, li renda liberi e li salvi dai loro persecutori. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 16.30: Climbing di Hye-mi Kim (Sud Corea), 2020, 77’, V.O. con sottotitoli italiani

La protagonista Se-hyeon, una scalatrice professionista, si prepara per il campionato mondiale di scalata. A seguito di un incidente Se-hyeon ha un aborto, ma non ci pensa perché la sua mente è concentrata sulla gara che vuole vincere. In un universo parallelo, tuttavia, Se-hyeon è ancora incinta e iniziano a succedere cose strane anche nel suo mondo reale. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

Ore 17.30: Snotty Boy (Rotzbub) di Santiago López Jover, Marcus H. Rosenmüller, Germaina/Austria, 2021, 85’ , V.O. con sottotitoli italiani

La storia, ambientata negli anni ’60 in un paesino dell’entroterra austriaco, racconta le vicende del figlio di un oste – conosciuto da tutti come il “Moccioso” – che si scontra continuamente con la mentalità ristretta e ultra cattolica dei suoi concittadini. Un’animazione politicamente scorretta e divertente, basata sulla vita e le opere dell’illustratore e fumettista Manfred Deix. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CORTOMETRAGGI IN CONCORSO

Ore 18: Primo programma (circa 60’)

Lessons in the Kitchen di Mariana Ferreira, Portogallo, 2021; MOM di Kajika Aki Ferrazzini, Francia, 2021; Tales from the Multiverse di Magnus MØller, Mette Tange & Peter Smith, Danimarca, 2020; Polka-dot boy di Sarina Nihei, Francia, 2020; Easter Eggs di Nicolas Keppens, Paesi Bassi, 2021; Dad is gone di Pere Ginard, Spagna, 2020; Dans la nature di Marcel Barelli, Svizzera, 2020; Polar Bear Bears Boredom di Yamamura Koji, Giappone, 2021; Animal Locomotion di Asa Rikin e Noga Sirota, Israele, 2021. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

Ore 20: inaugurazione del Future Film Festival 2021

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Dozens of Norths (Ikuta No Kita) di Koji Yamamura, Giappone, Francia, 2021, 64’ , V.O. con sottotitoli italiani

Presenta il regista Koji Yamamura (videocall).

Ci sono tanti Nord, e sono tutti molto solitari. Anche se si incontrano tante persone, è difficile tenerne memoria. Il primo lungometraggio scritto, dipinto  e diretto da Koji Yamamura, tratto dalle illustrazioni dell’autore per il mensile Bungakukai (Bungeishunjū). Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 20.30: My Sunny Maad di Michaela Pavlátová, Repubblica ceca, Francia, Slovacchia, 2021, 85’, V.O. con sottotioli italiani

Quando Herra, una giovane donna ceca, si innamora di Nazir, un ragazzo afgano, non ha idea del futuro che la aspetta lei nella famiglia che la accoglierà, in un Afghanistan post-talebano. La storia si fa forte di un delicato umorismo e di una accurata osservazione della vita di tutti i giorni. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

Ore 22: Cryptozoo di Dash Shaw, USA, 2021, 95’, V.O. con sottotitoli italiani

I criptozookeeper cercano di catturare un Baku, una leggendaria creatura ibrida mangia-sogni. Secondo film del visionario artista e fumettista americano Dash Shaw, vincitore del Innovator Prize al Sundance Film Festival 2021Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

PIANO TERRA | GROUND FLOOR

Il cinema d’animazione indaga la crisi ambientale 

Ore 22.30: La collina dei conigli di Martin Rosen, UK, Stati Uniti d’America, Canada, 1978, 90’, Versione in italiano.

Il film racconta le drammatiche avventure di un gruppo di conigli guidati dal saggio e intraprendente Moscardo, costretti cercare una nuova terra dove stabilirsi, dopo che uno di loro, il giovane Quintilio, ha avuto la visione della distruzione della loro conigliera situata sul colle Watership, nell’Hempshire. Lo stile del film, scarno e grezzo, riprende le volontà artistiche di John Hubley, primo regista poi sostituito perché prematuramente scomparso. La narrazione è cruda e a tratti violenta, senza pause, incalzante. Realizzato con un budget ai minimi storici, La collina dei conigli colpisce per la cura dei dettagli, per il lavoro maniacale sui personaggi, e per la sua colonna sonora, a cui partecipò anche Art Garfunkel con Bright Eyes. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Giovedì 9 dicembre 2021, a Bologna

Sala Scorsese, Cineteca

CORTOMETRAGGI IN CONCORSO

Ore 10. Secondo programma (circa 60’)

A Bite of Bone di Honami Yano, Giappone, 2021; How My Grandmother Became a Chair di Nicolas Fattouh, Germania, Libano, Qatar, 2021; Hypno Tidoo di Arianna Gheller e Matteo Burani, Italia, 2021; Just a Guy di Shoko Hara, Danimarca, 2020; The Chimney Swift di Frédéric Schuld, Germania, 2020; Saint Android di Lukas von Berg, Germania, 2021; Demi’s Panic di Bill Plympton, USA, 2021. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

OMAGGIO A GEORGE PAL

Ore 12, The Puppetoon Movie di Arnold Leiboviz, USA, 1987. 

Il film è basato sui personaggi creati da George Pal, e presenta una selezione dei suoi famosi puppetoons, cortometraggi creati negli anni Trenta e Quaranta: da Gumby a Pokey, fino al famoso Arnie the Dinosaur. Pal ricevette un Oscar speciale “per lo sviluppo di un nuovo metodo e tecnica nella produzione di cortometraggi, chiamato Puppetoons.” Arnold Leiboviz, collaboratore storico di Pal, ancora oggi lavora per la conservazione delle opere del regista e animatore statunitense. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 14, My Sunny Maad di Michaela Pavlátová, Repubblica ceca, Francia, Slovacchia, 2021, 85’, V.O. con sottotioli italiani

Quando Herra, una giovane donna ceca, si innamora di Nazir, un ragazzo afgano, non ha idea del futuro che la aspetta lei nella famiglia che la accoglierà, in un Afghanistan post-talebano. La storia si fa forte di un delicato umorismo e di una accurata osservazione della vita di tutti i giorni. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

Ore 16, Rotzbub di Santiago López Jover, Marcus H. Rosenmüller, Germaina/Austria, 2021, 85’, V.O. con sottotitoli italiani

La storia, ambientata negli anni ’60 in un paesino dell’entroterra austriaco, racconta le vicende del figlio di un oste – conosciuto da tutti come il “Moccioso” – che si scontra continuamente con la mentalità ristretta e ultra cattolica dei suoi concittadini. Un’animazione politicamente scorretta e divertente, basata sulla vita e le opere dell’illustratore e fumettista Manfred Deix. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

Ore 16,30: Cryptozoo di Dash Shaw, USA, 2021, 95’, V.O. con sottotitoli italiani

I cirptozookeeper cercano di catturare un Baku, una leggendaria creatura ibrida mangia-sogni. Secondo film del visionario artista e fumettista americano Dash Shaw, vincitore del Innovator Prize al Sundance Film FestivalIngresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 18, The crossing di Florence Miailhle, Francia, 2021, 84’, V.O. con sottotitoli italiani

Un villaggio saccheggiato, una famiglia in fuga e due bambini smarriti sulla via dell’esilio. Il film, il primo di Florence Miailhe e realizzato con la tecnica della pittura animata, racconta la storia di Kyona e Adriel, che cercano di trovare un paese che li ospiti, li renda liberi e li salvi dai loro persecutori. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 18.30: Dozens of Norths (Ikuta No Kita) di Koji Yamamura, Giappone, Francia, 2021, 64’ , V.O. con sottotitoli italiani

Ci sono tanti Nord, e sono tutti molto solitari. Anche se si incontrano tante persone, è difficile tenerne memoria. Il primo lungometraggio scritto, dipinto  e diretto da Koji Yamamura, tratto dalle illustrazioni dell’autore per il mensile Bungakukai (Bungeishunjū). Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 20, City of Lost Things di Yee Chih-yen, Taiwan, 2020, 91’, V.O. con sottotioli italiani

Leaf, un teenager ribelle di sedici anni, scappa di casa e si trova misteriosamente in un posto strano, la “Città delle Cose Perdute”. Là incontra Baggy, una busta di plastica che ha trent’anni.. Baggy ha un obiettivo nella vita: guidare la sua tribù e fuggire dalla “Città delle Cose Perdute”. L’animazione in CGI viene appositamente utilizzata con i suoi elementi basici, senza fare sfoggio di virtuosismi. Il film vince l’Award for Outstanding Artistic Contribution – Animation Production al Taipei Film Festival. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 20.30: Lumina di Samuele Sestieri, Italia, 2021, 100’

Presenta in sala il regista Samuele Sestieri e l’attrice Carlotta Velda Mei

Una giovane donna si risveglia nuda su una spiaggia deserta. Vagando senza memoria, conosce il presente e il passato attraverso oggetti a cui è in grado di ridare energia. Riprendendo il concetto lynchiano della corrente elettrica come unico vero motore, il film presenta una giovane donna in grado di costruire, come il bambino che osserva i genitori, una nuova identità di sé. Al suo secondo lungometraggio, Sestrieri inizia a dare forma unica e coerente ai suoi lavori. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 22, Bob Spit: we do not like people (Bob Cuspe – Nós Não Gostamos de Gente) di Cesar Cabral, Brasile, 2021, 90’, V.O. con sottotioli italiani

In questo film un mix di animazione e stop-motion sono al servizio della pazza storia di un vecchio punk che tenta di scappare da un deserto apocalittico che, in realtà, è un purgatorio nella mente del suo creatore, un cartoonist in crisi creativa. Un documentario, una commedia e un road movie, vincitore del Premio Contrechamp al Festival del Cinema di Annecy. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 22.30: The Old Man Movie (Vanamehe film) di Mikk Mägi e Oskar Lehemaa, Estonia, 2019, 88’, V.O. con sottotitoli italiani

Politicamente scorretto, irriverente e adulto, il film, realizzato in stop-motion, racconta la storia di tre ragazzini di città costretti a trascorre l’estate con il nonno, l’attuale lattaio del paese dove decenni prima era avvenuta la catastrofe del caseificio, quando le mammelle di una mucca non più “munta” erano esplose, come fossero una vera bomba atomica. La narrazione surreale prosegue in un crescendo di gag senza sosta, tra scoregge di maiali e sangue che scorre a volontà. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Venerdì 10 dicembre 2021, a Bologna

Sala Scorsese, Cineteca

Ore 10-12. FUTURE PITCH: Quale futuro per le linee pubbliche e private a sostegno delle nuove  produzioni nel cinema di animazione e FX. Tavola rotonda con: Fabio Abagnato, Film Commission Regione Emilia-Romagna; Silvia Sandrone, Project Officer, Creative Europe Desk Italy; Maria Giuseppina Troccoli, Dirigente Cinema e Audiovisivo, Mic; Coordina Robert Bernocchi, giornalista cinematografico e data business analyst. Ingresso libero su prenotazione.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO CORTOMETRAGGI

Ore 14 Terzo programma. (circa 60’)

Ten, Twenty, Thirty, Forty, Fifty Miles a Day di Mathieu Georis, Francia, 2020; The Fourth Wall di Mahboobeh Kalaee, Iran, 2021; Mooozart di Piero Tonin, Italia, 2021; What Resonates in Silence di Marine Blin, Francia, 2020; Demi’s Panic di Bill Plympton, USA, 2021; Ecorce di Samuel Patthey e Silvain Monney, Francia, 2020; Push This Button if You Begin to Panic di Gabriel Böhmer, UK, 2020; Pilar di di Yngwie Boley, J.J. Epping e Diana van Houten, Belgio, Olanda, 2020; Mila di Cinzia Angelini, Italia, Canada, UK, Stati Uniti, 2021. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 16 The Old Man Movie (Vanamehe film) di Mikk Mägi e Oskar Lehemaa, Estonia, 2019, 88’, V.O. con sottotioli italiani

Politicamente scorretto, irriverente e adulto, il film, realizzato in stop-motion, racconta la storia di tre ragazzini di città costretti a trascorre l’estate con il nonno, l’attuale lattaio del paese dove decenni prima era avvenuta la catastrofe del caseificio, quando le mammelle di una mucca non più “munta” erano esplose, come fossero una vera bomba atomica. La narrazione surreale prosegue in un crescendo di gag senza sosta, tra scoregge di maiali e sangue che scorre a volontà. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Biblioteca Renzo Renzi

Ore 16.30-19. FUTURE PITCH – one-to-one

La presente sessione del FUTUREPITCH è dedicata ai progetti di animazione e FX (serie, lungometraggi, documentari e cortometraggi) destinati al mercato domestico e/o internazionale, ed è rivolta ad autori e registi italiani. Sessioni di one-to-one meetings con i produttori selezionati. Ingresso riservato agli iscritti.

DAMSLab/Auditorium

Ore 16.30: Strappare lungo i bordi: il making of

MoVimenti production presenta il dietro le quinte del film di Zerocalcare. Con Giorgio Scorza e Davide Rosio. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Studio Croma (Via Francesco de Sanctis 7/b)

17.30: STOP-MOTION KIDS LAB (bollino kids)

Un pomeriggio dedicato ai più piccoli, per animare in stop-motion: dalla costruzione del personaggio fino al movimento. Età: 6-12 anni, durata: 2 ore. Workshop su prenotazione.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI (bollino kids)

Ore 18, Tito and the Birds (Tito e os Pàssaros) di Gabriel Bitar, André Catoto, Gustavo Steinberg, Brasile, 2018, 73′, V.O. con sottotitoli italiani

Tito ama aiutare Rufus, il suo papà scienziato. Quando l’ultima invenzione di Rufus, una macchina in grado di capire gli uccelli, inizia a scoppiettare impazzita, Tito si ferisce. Anni dopo, la gente si ammala e l’epidemia comincia a diffondersi. La causa, determina Tito, è la paura. Ricordando le ricerche del padre, Tito sa che la cura consiste nel comprendere il canto degli uccelli. Una allegoria sulla paura e la ricerca della propria identità. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 18.30: City of Lost Things di Yee Chih-yen, Taiwan, 2020, 91’, V.O. con sottotitoli italiani

Leaf, un teenager ribelle di sedici anni, scappa di casa e si trova misteriosamente in un posto strano, la “Città delle Cose Perdute”. Là incontra Baggy, una busta di plastica che ha trent’anni.. Baggy ha un obiettivo nella vita: guidare la sua tribù e fuggire dalla “Città delle Cose Perdute”. L’animazione in CGI viene appositamente utilizzata con i suoi elementi basici, senza fare sfoggio di virtuosismi. Il film vince l’Award for Outstanding Artistic Contribution – Animation Production al Taipei Film Festival. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Studio Croma (Via Francesco de Sanctis 7/b)

Ore 19: OPEN STUDIO

Avete sempre desiderato conoscere i segreti di uno studio d’animazione in stop-motion? Dai grandi set costruiti a mano fino alle mille versioni di un personaggio di plastilina, il mondo animato di Studio Croma vi aspetta a braccia aperte, con un drink in mano. In collaborazione con DOC Servizi. Ingresso libero su prenotazione.

Sala Scorsese, Cineteca

Ore 20, Satoshi Kon: the illusionist (Satoshi Kon, l’illusioniste) di Pascal-Alex Vincent, Francia, 2021, 81’, V.O. con sottotitoli in italiano

Presenta in sala il regista Pascal-Alex Vincent

Il documentario su uno degli animatori più importanti della scena contemporanea, e prematuramente scomparso, fa il punto sulla sua arte con Darren Aronofsky, marc Caro, Mamoru Oshii, Masayuki Murai, Mamoru Hosoda e molti altri. Partendo dal suo esordio con Perfect Blue (1997) il film arriva fino al progetto mai finito di The Dreaming Machine. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 20.30: Climbing di Hye-mi Kim (Sud Corea), 2020, 77’, V.O. con sottotitoli italiani

La protagonista Se-hyeon, una scalatrice professionista, si prepara per il campionato mondiale di scalata. A seguito di un incidente Se-hyeon ha un aborto, ma non ci pensa perché la sua mente è concentrata sulla gara che vuole vincere. In un universo parallelo, tuttavia, Se-hyeon è ancora incinta e iniziano a succedere cose strane anche nel suo mondo reale. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

Ore 22.30 Perfect Blue di Satoshi Kon, Giappone, 1997, 81’

Primo film del regista Satoshi Kon, Perfect Blue racconta la storia di Mima Kirigoe, una idol e popstar. Nonostante i numerosi fan, Mima è insoddisfatta della sua carriera e vorrebbe diventare un’attrice. Dopo poco la protagonista riceve delle minacce, e scopre l’esistenza di un sito internet dal nome Mima’s Room in cui qualcuno, con inquietante precisione, descrive le sue giornate nei minimi particolari. Il regista gioca con lo spettatore nel confondere i piani di realtà, mostrando anche uno dei tratti tipici della sua produzione: mondi paralleli si uniscono senza soluzione di continuità, in un montaggio alternato che indaga la psiche ben prima della realtà. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 23, Bob Spit: we do not like people (Bob Cuspe – Nós Não Gostamos de Gente) di Cesar Cabral, Brasile, 2021, 90’, V.O. con sottotitoli italiani

In questo film un mix di animazione e stop-motion sono al  servizio della pazza storia di un vecchio punk che tenta di scappare dal deserto apocalittico che, in realtà, è un purgatorio nella mente del suo creatore, un cartoonist in crisi creativa. Un documentario, una commedia e un road movie, vincitore del Premio Contrechamp al Festival del Cinema di Annecy 2021. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

perfect blue future film festival

Sabato 11 dicembre 2021, a Bologna

Sala Scorsese, Cineteca

Ore 10, Ezio Bosso: Le cose che restano di Giorgio Verdelli, Italia, 2021, 104’

Il documentario dedicato al musicista Ezio Bosso, scomparso prematuramente, racconta un artista dalla presenza scenica incredibile, per il quale il pubblico ha sempre sentito una forte empatia. Allievo di Claudio Abbado e sostenitore della musica come bene comune, lasciò il contrabbasso e si concentrò, con determinazione ancora maggiore, sul pianoforte, sulla composizione e sulla direzione, per portare il più possibile la sua musica nei teatri. Anche in tv, sul palco di Sanremo. Ezio Bosso: Le cose che restano è stato presentato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nel 2021 nella sezione Fuori Concorso. A seguire, brunch musicale al CostArena. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

OMAGGIO A GEORGE PAL

Ore 10.30 The Fantasy Film Worlds of George Pal di Arnold Leibovit, USA, 1985, 93’

Il filme segue la carriera di George Pal, dall’inizio della sua vita in Ungheria e Germania, fino ai primi passi nella carriera di animatore e ideatore di film in stop-motion (conosciuti come i Puppetoons), per arrivare fino alle esperienze di lungometraggi. George Pal fu un innovatore e visionario nel mondo del cinema, specialmente come pioniere dell’animazione in stop-motion. Il film include interviste allo stesso Pal, a Ray Harryhausen, Joe Dante, Ray Bradbury, Robert Wise, Gene Roddenberry, Roy Disney e molti altri. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 12: Archipelago (Archipel) di Félix Dufour-Laperrière, Canada, 2021, 72′, V.O. con sottotitoli in italiano

Il film è un finto-documentario che racconta l’odissea del regista nella sua Provincia natale: il Quebec. Il luogo è descritto con un mix di riprese e animazione,  utilizzando molte tecniche diverse per un incredibile mockumentary (documentario immaginario). Il tutto prende la forma di un saggio filosofico sul come un luogo si trasformi in comunità, attraverso le storie raccontate e i sentimenti delle persone. Il giovane regista Dufour-Laparrière, il cui primo lungometraggio Ville Neuve (2018) è stato presentato ai Venice Days della Biennale Cinema, lavora qui con una animazione a disegni, con immagini oniriche e coinvolgenti. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 13.30: Lumina di Samuele Sestrieri, Italia, 2021, 100’

Presenta in sala il regista Samuele Sestieri e l’attrice Carlotta Velda Mei

Una giovane donna si risveglia nuda su una spiaggia deserta. Vagando senza memoria, conosce il presente e il passato attraverso oggetti a cui è in grado di ridare energia. 

Riprendendo il concetto lynchiano della corrente elettrica come unico vero motore, il film presenta una giovane donna in grado di costruire, come il bambino che osserva i genitori, una nuova identità di sé. Al suo secondo lungometraggio, Sestrieri inizia a dare forma unica e coerente ai suoi lavori. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

Ore 14: Satoshi Kon: the illusionist (Satoshi Kon, l’illusioniste) di Pascal-Alex Vincent, Francia, 2021, 81’, V.O. con sottotitoli in italiano

Il documentario su uno degli animatori più importanti della scena contemporanea, e prematuramente scomparso, fa il punto sulla sua arte con Darren Aronofsky, marc Caro, Mamoru Oshii, Masayuki Murai, Mamoru Hosoda e molti altri. Partendo dal suo esordio con Perfect Blue (1997) il film arriva fino al progetto mai finito di The Dreaming Machine. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

Ore 15.30: VFX DNA – Sessioni dedicate agli showcase di effetti visivi italiani. 

Coordina Franco Valenziano, VFX Supervisor e presidente AVFX.

Partecipano: Erik Caretta, vfx Supervisor Hive Division – “In-camera VFX”; Pierre D’oncieu, Lead Compositor Why Worry Production  – “vfx in Why Worry”; Alessio Bertotti e Filippo Robino,  Alps Studios “un nuovo studio di vfx a Torino”; Fabio Cerrito, Head of vfx Frame by Frame “FbF da 10 a 100” ; Stefano Leoni e Elisabetta Rocca, EDI “i vfx di Freaks Out.

A seguire 

AVFX Student Award: premiazione del miglior lavoro delle scuole di effetti visivi italiane. Proiezione della shortlist.

Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI (bollino  kids)

Ore 16: Tito and the Birds (Tito e os Pàssaros) di Gabriel Bitar, André Catoto, Gustavo Steinberg, Brasile, 2018, 73′, V.O. con sottotitoli in italiano

Tito ama aiutare Rufus, il suo papà scienziato. Quando l’ultima invenzione di Rufus, una macchina in grado di capire gli uccelli, inizia a scoppiettare impazzita, Tito si ferisce. Anni dopo, la gente si ammala e l’epidemia comincia a diffondersi. La causa, determina Tito, è la paura. Ricordando le ricerche del padre, Tito sa che la cura consiste nel comprendere il canto degli uccelli. Una allegoria sulla paura e la ricerca della propria identità. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 20, My Uncle Josè (Meu Tio Josè) di Ducca Rios, Brasile, 2021, 99’, V.O. con sottotitoli in italiano

Il film prende le mosse dalla storia vera della morte di José, un membro del partito di sinistra che partecipò al rapimento di Charles Elbrick, Ambasciatore americano in Brasile, nel 1969. José visse in esilio per dieci anni prima di tornare in Brasile, dove venne ucciso. Il caso rimase irrisolto. Il nipote più giovane di Josè, Adonias, sta scrivendo un saggio per la scuola proprio su questi argomenti, e deve allo stesso tempo affrontare il lutto della sua famiglia e l’angoscia dell’ignoto. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 16, Lamya’s Poem di Alexander Kronemer, USA/Canada, 2021, 88’, V.O. con sottotitoli in italiano

Il film racconta la storia magica del poeta persiano Rumi, vissuto nel XIII secolo. Giovane rifugiato di guerra, Rumi deve trovare una nuova casa, e affrontare i dubbi sul suo futuro mestiere di scrittore. La sua crisi incrocia nel tempo e nello spazio la storia di un’altra bambina che vive durante la guerra. Lamya, una bambina siriana dei giorni nostri, sta scappando dalla catastrofe umanitaria del suo paese. Mentre il viaggio straziante di Lamya continua, lei sente un legame sempre più forte con il libro di poesie di Rumi. Il film presenta un lavoro interessante tra graphic novel, pittura, animazione 2D e 3D. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

EVENTO SPECIALE

Ore 21: The Deer King (Shika no Ō: Yuna to Yakusoku no Tabi) di Masashi Ando e Masayuki Miyaji, Giappone, 2021, 120’, V.O. con sottotioli italiani

Il nuovo film fantasy della Production I.G., tratto dalla serie di romanzi scritti da Naohoko Uehashi e adattati dalla Kadokawa come manga, vede il character design firmato dallo stesso Ando. Van è a capo di un gruppo di soldati pronti a morire per difendere le loro terre da un grande impero che vorrebbe assoggettarle a sé. Invece di esser ucciso, però, Van è catturato come schiavo. Una notte, un branco di cani attacca la miniera dove lavora Van, e subito scoppia una strana epidemia. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 22.30, Le mont Fuji vue d’un train en marche di Pierre Hébert, Francia, 81’, V.O. con sottotitoli in italiano

Una meditazione poetica e animata, basata sulle impressioni di due viaggi del regista in Giappone, rispettivamente nel 2003 e nel 2018.  Una struttura narrativa che unisce danza, calligrafia, disegno su pellicola e documentario, parlando al cuore delle persone. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Domenica 12 dicembre 2021, a Bologna

DAS, Bologna. Sala Multimediale

Ore 10-13, 14-18: “Spazi, Scheletri ed algoritmi”, l’animazione alternativa. Workshop a cura di Igor ImhoffWorkshop su iscrizione.

DAMSLab/Auditorium

PIANO TERRA || GROUND FLOOR

Il cinema d’animazione racconta la crisi ambientale

Ore 10 -13, 14.30 -21 Maratona Conan Il Ragazzo del Futuro di Hayao Miyazaki, Giappone, 1978, 625’, Versione italiana (doppiaggio originale)

Gadget e sorprese per i partecipanti. In collaborazione con Dynit.

Dieci ore (quasi) non-stop della serie post-apocalittica del maestro dell’animazione giapponese Hayao Miyazaki. Nel mese di luglio dell’anno 2008, la razza umana sfiorò la completa estinzione. In pochi istanti, le armi elettromagnetiche cancellarono più di metà degli esseri viventi dalla faccia del pianeta. Il cataclisma causò uno spostamento traumatico dell’asse terrestre, e i continenti finirono quasi interamente sommersi dalle acque. Ambientato nel 2028 e tratto dal romanzo per ragazzi L’incredibile marea, che Alexander Key ha pubblicato nel 1970 e che in Italia arriverà 29 anni dopo (per Kappa Edizioni), l’anime che segna anche l’esordio alla regia di Hayao Miyazaki racconta di un mondo in cui i superstiti sono stati costretti a vivere nelle poche terre rimaste emerse e a ricominciare daccapo, con le sole risorse offerte dalla natura. La serie fu un flop in Giappone, ma quando arrivò in Italia, pochi anni dopo, ebbe subito un grande successo. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 16, Lamya’s Poem di Alexander Kronemer, USA/Canada, 2021, 88’, V.O. con sottotitoli in italiano

Il film racconta la storia magica del poeta persiano Rumi, vissuto nel XIII secolo. Giovane rifugiato di guerra, Rumi deve trovare una nuova casa, e affrontare i dubbi sul suo futuro mestiere di scrittore. La sua crisi incrocia nel tempo e nello spazio la storia di un’altra bambina che vive durante la guerra. Lamya, una bambina siriana dei giorni nostri, sta scappando dalla catastrofe umanitaria del suo paese. Mentre il viaggio straziante di Lamya continua, lei sente un legame sempre più forte con il libro di poesie di Rumi. Il film presenta un lavoro interessante tra graphic novel, pittura, animazione 2D e 3D. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 18, Le mont Fuji vue d’un train en marche di Pierre Hébert, Francia, 81’, V.O. con sottotitoli in italiano

Una meditazione poetica e animata, basata sulle impressioni di due viaggi del regista in Giappone, rispettivamente nel 2003 e nel 2018.  Una struttura narrativa che unisce danza, calligrafia, disegno su pellicola e documentario, un flusso di coscienza che parla al cuore delle persone. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

Sala Scorsese, Cineteca

Ore 21, CERIMONIA DI PREMIAZIONE. Ingresso libero.

Sala Scorsese, Cineteca

CONCORSO LUNGOMETRAGGI

Ore 22, Archipelago (Archipel) di Félix Dufour-Laperrière, Canada, 2021, 72′, V.O. con sottotitoli in italiano

Il film è un finto-documentario che racconta l’odissea del regista nella sua Provincia natale: il Quebec. Il luogo è descritto con un mix di riprese e animazione,  utilizzando molte tecniche diverse per un incredibile mockumentary (documentario immaginario). Il tutto prende la forma di un saggio filosofico sul come un luogo si trasformi in comunità, attraverso le storie raccontate e i sentimenti delle persone. Il giovane regista Dufour-Laparrière, il cui primo lungometraggio Ville Neuve (2018) è stato presentato ai Venice Days della Biennale Cinema, lavora qui con una animazione a disegni, con immagini oniriche e coinvolgenti. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.

DAMSLab/Auditorium

EVENTO SPECIALE

Ore 22.30: The Deer King (Shika no Ō: Yuna to Yakusoku no Tabi) di Masashi Ando e Masayuki Miyaji, Giappone, 2021, 120’, V.O. con sottotitoli in italiano

Il nuovo film fantasy della Production I.G., tratto dalla serie di romanzi scritti da Naohoko Uehashi e adattati dalla Kadokawa come manga, vede il character design firmato dallo stesso Ando. Van è a capo di un gruppo di soldati pronti a morire per difendere le loro terre da un grande impero che vorrebbe assoggettarle a sé. Invece di esser ucciso, però, Van è catturato come schiavo. Una notte, un branco di cani attacca la miniera dove lavora Van, e subito scoppia una strana epidemia. Ingresso con biglietto, Pass e accredito.


Seguici su InstagramFacebook e Telegram per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

Classe 1998, capitata qui un po' per caso. Sono toscana ma studio al DAMS di Bologna. Ovviamente appassionata di cinema e futura disoccupata. Sono la prova che si può amare Godard indossando t-shirt di Star Wars.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.