«La casa nera» di Wes Craven per un Halloween alla Piccoli Brividi

In un nostro precedente articolo dedicato alla serata di Halloween, abbiamo consigliato Hagazussa per una serata all’insegna dell’horror impegnato e riflessivo. Per chi invece vuole passare un Halloween scanzonato senza troppe pretese, La casa nera di Wes Craven fa al caso vostro. 

«La casa nera» ma dei buoni sentimenti

La casa nera

Dal titolo inglese molto più suggestivo e azzeccato People under the stairs, è una favola nera che vede protagonista un ragazzo del ghetto soprannominato Matto, un novello Robin Hood che decide di intrufolarsi nella casa di due avidi strozzini che tengono in pugno il suo quartiere pretendendo affitti esorbitanti. Entrato con l’intento di derubarli, Matto non poteva neppure immaginare cosa avrebbe trovato in quella casa. 

Inizia così la sua lotta per la sopravvivenza fra le mura piene zeppe di oscuri segreti, con un solo barlume di speranza: Alice, la donzella da salvare.

leggi anche:
cosa ci ha lasciato Romero, padre degli zombi

Tra un assassino vestito sadomaso, un rottweiler affamato e una maniaca religiosa, Matto e Alice dovranno fuggire, senza dimenticarsi delle persone sotto le scale

Il nero che non impegna

La casa nera

Dal creatore di Nightmare e del buon Freddy Krueger, potevamo sicuramente aspettarci di più, soprattutto nel finale un po’ troppo all’acqua di rose, ma la mano del regista si vede soprattutto in quei momenti di tensione che sfociano in scene splatter niente male, in puro stile anni ’90. Nella sua leggerezza, la pellicola denuncia il razzismo e la condizione sociale di inferiorità della comunità di colore americana, sottomessa dalla supremazia della borghesia sempre rigorosamente bianca. Temi cari al cinema horror, come nel recente Us.

leggi anche:
The Witch, tra superstizione e peccato

Un film dove l’unione fa la forza, dove l’amicizia trionfa e dove i cattivi hanno quello che meritano. Dopotutto, anche se nera, è pur sempre una favola.


Seguici su InstagramFacebook e Telegram per scoprire tutti i nostri contenuti!

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. NPC Magazine è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Azzurra Bergamo