fbpx
Maid serie tv

Maid: il riscatto di una madre nella serie Netflix con Margaret Qualley

L'America oltre il sogno

6 minuti di lettura

Maid è la nuova serie di Netflix uscita l’1 ottobre 2021 che consta di 10 episodi per la regia di John Wells. Maid racconta di Alex una giovane madre, interpretata dalla bravissima Margaret Qualley (già vista in C’era una volta a…Hollywood), che fugge dal suo compagno (Nick Robinson) alcolizzato e violento.              

Alex non ha un lavoro e nemmeno dei soldi da parte, la valigia per lei e la figlia, preparata nella notte, è uno zaino, scappano per rifugiarsi dalla madre che presenta disturbi mentali come il bipolarismo e che non è in grado di prendersi cura della figlia in difficoltà economica. Paula (Andie McDowell, vera madre di Margaret Qualley) vive in una roulotte come una nomade, in cerca di amore si avvicina a uomini che vogliono solo rubarle i soldi.

In Maid un’America contemporanea e realistica

Alex decide così di andare in un centro di rifugio per donne che hanno subìto violenza fisica ed emotiva, si sente al sicuro, ma ha bisogno di trovare un lavoro: entra nei protocolli spietati con sussidi per mamme single senza lavoro che hanno subìto violenza e si trova a fare i conti con una burocrazia inefficace verso chi non ha nessun tipo di sostegno economico e familiare. 

In Maid c’è una visione di un America che non rappresenta il regno dell’opportunità, come spesso si descrive, ma si parla di uno Stato in cui se non nasci in una famiglia benestante è molto difficile riscattarsi, crearsi una propria strada o anche solo aspirare ad avere un tetto sotto cui dormire.  

Alex trova lavoro come colf, da qui il titolo di Maid: lavora in case di perone ricche, con qualsiasi tipo di beneficio a cui non manca niente (forse). Alex pulisce, tira a lucido, passa l’aspirapolvere e osserva, studia le case e chi ci abita: case che sembrano quasi non abitate, in cui l’unica cosa che si ascolta è il silenzio, con corridoi troppo lunghi che forse servono solo per nascondersi dalla solitudine.

Una madre pronta a tutto

Alex non vuole fare gli stessi errori della madre, ama la figlia e vive per lei, è pronta a tutto, non si spaventa delle tante ore di lavoro e di dove si ritrova a vivere, cerca di creare, come può, una stabilità alla piccola Maddy che nonostante gli spostamenti da una casa all’altra e i lunghi viaggi in macchina non sembra essere turbata.

Il loro rapporto è pieno d’amore, mamma e figlia sembrano farsi forza a vicenda e crescere insieme. Si parla di amore, forza e coraggio ma tutto senza ostentazione, lo spettatore si ritrova chiaramente dalla parte della protagonista che non viene mai rappresentata come un’eroina anzi l’attrice è molto brava nel raccontare una donna estremamente umana.

La richiesta di aiuto è uno dei punti di forza di Maid 

Maid Netflix

Nonostante il lavoro e gli scarsi sussidi offerti dallo Stato, Alex non riesce a coprire le spese, la vediamo mentre fa i calcoli mentali su ogni cosa che compra. I giorni al rifugio hanno una scadenza e così madre e figlia si ritrovano a cercare una nuova casa che possa accettare come pagamento i sussidi dello Stato, ma alla parola “povertà”  vengono sbattute molte porte in faccia, sembra che il termine si porti dietro il concetto di “cattivo”, di “ladro” quando in realtà contiene in sé solo richiesta di aiuto.

Poca solidarietà, pochi aiuti, nessun amico, Alex è una giovane mamma sola, che nel corso dei 10 episodi sembra che tutto le vada contro. Ricade in alcuni errori: ritorna a vivere con il compagno ma le cose non vanno come dovrebbero.

Quanto pesano sulla nostra libertà i legami affettivi? 

Maid è una storia che racconta il riscatto di una giovane madre che può contare solo su stessa. Gli affetti e le persone che ha intorno limitano la sua libertà, non facendo altro che crearle problemi e rallentando la camminata verso una vita stabile. Alex infatti è l’unica a farcela, mentre tutti fanno fatica nel riuscire, la protagonista grazie ai nuovi incontri e a una solidarietà, sopratutto al femminile, sembra trovare riscatto e finalmente libertà. 

Maid è tratta dal romanzo autobiografico di Stephanie Land Donna delle pulizie. Lavoro duro, paga bassa e la volontà di sopravvivere di una madre (Maid: Hard Work, Low Pay, and a Mother’s Will to Survive), la serie è stata creata da da Molly Smith Metzler, scrittrice e produttrice nota già da prodotti tv come “Orange Is The New Black” e “Shameless”. 


Seguici su InstagramFacebookTelegram e Twitter per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci iscrivendoti al FR Club o con una donazione.

Bianca Mei

Bianca 26 anni, lucchese ma trasferita a Roma per studiare recitazione.
Sono un’attrice iscritta a Scienze della comunicazione a Roma Tre.
Amo il cinema e il teatro, il mio posto è il palco. Grande osservatrice, si può imparare molto anche con poco, mi faccio sempre tante domande, scrivo tentando di darmi delle risposte! Ascolto molta musica: ogni mattina prima di alzarmi dal letto devo ascoltarla almeno per mezz’ora. Mi piacciono le giornate nuvolose, il silenzio e i miei amici.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.