fbpx
Mother! spiegazione

Mother! L’esegesi biblica di Aronofsky è un Home invasion

4 minuti di lettura

Darren Aronofsky è un evangelista. Diffonde il Verbo, lo complica e lo risolve, lo eclissa per restituirgli la Luce.  Se in Noah (2014) raccontava l’Eden dell’Antico Testamento, l’incontro dell’uomo e della donna, il peccato e il diluvio universale voluto dal Creatore, Mother! (2017) è l’opera di un demiurgo che plasma e disegna la realtà quotidiana di ogni artista, condensata nell’impossibilità egoistica di concedere amore senza pretenderne in cambio uno carnale con cui nutrire il proprio genio.

Come un poeta con la sua Creatura intellettuale, Madre offre il figlio all’indelicato tocco dell’uomo, vile, corrotto, ferino. Con pennello sacrilego e riverenza all’origo, il regista affresca la Γένεσις (genesis) conferendo dignità estetica al morbo, all’epidemia peccaminosa di cui la folla, avida e indigente, si fa personificazione. Esorta l’umanità alla comprensione del peccato originale, riducendo ai minimi termini La Storia del mondo: Lui, lei, il Paradiso, l’odio, l’amore, la ciclicità. 

La genesi umana nel volto di Madre Terra

Mother Javier Bardem

Lui (Javier Bardem), il poeta in cerca di ispirazione, e lei (Jennifer Lawrence), la madre, vivono isolatamente in una casa in fase di restauro dopo un incendio che ha distrutto ogni cosa. Quando nella casa irrompe un medico (Ed Harris), l’equilibrio è compromesso. La sensualità prorompente dell’intruso e di sua moglie (Michelle Pfeiffer), la furibonda  gelosia dei loro figli (Domhnall e Brian Gleeson), l’ostilità di fanatici invasori profanano la Casa, un focolare – allegoria del mondo – che Madre tenta vanamente di proteggere. 

Mother! è un grido disperato

Mother! Jennifer Lawrence

La sottrazione evoca, sussurra e congiunge. La Terra, violata dall’uomo tiranno – forte di un privilegio contro-natura – è una Donna, gravida d’Amore quanto madre d’Odio. L’Eden è una casa che fluttua nel candore primigenio. Lui, il Creatore, il Padre d’ogni cosa – genio e custode – accoglie il maligno, nido di storie e di idee, gode del bene – solo se riflesso -, seduce e ghermisce le menti di chi, per Lui, sacrifica il dono della vita.

Ispirato da Madre, come un aedo canta in versi l’origine dell’universo, dei suoi indigeni, e riserva a Lei sola – senza nome – la missione di scongiurare il vizio, di ordinare l’eccesso. Nell’allegoria biblica di Aronofksy, Jennifer Lawrence incarna Madre Terra, Javier Bardem il Creatore: costruire la Casa per edificare il Paradiso, esiliare i peccatori (Adamo, Ed Harris; Eva, Michelle Pfeiffer; Caino, Domhnall Gleeson; Abele, Brian Gleeson), concepire il frutto del seno Gesù Cristo e sacrificarlo nella Comunione fagocitante della folla – questa la Genesi del male che Mother! volgarizza ed eternizza come condizione d’esistenza dell’essere umano, corrisposta dall’incessante, confidente sforzo creativo di Dio. La Terra è una madre senza nome, una casa distrutta e ricreata dal Creatore: “I am I, you were home”.


Seguici su Instagram, Facebook, Telegram e Twitter per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

25, Roma | Scrittrice, giornalista, cinefila. Social media manager per Cinesociety.it dal 2019, da settembre 2020 collaboro con Cinematographe per la stesura di articoli, recensioni, editoriali, interviste e junket internazionali.
Dottoressa Magistrale in Giornalismo, caposervizio nella sezione Revisioni per NPC Magazine, il mio anno ruota attorno a due eventi: la notte degli Oscar e il Festival di Venezia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[streamweasels layout="status" channels="npcmagazine" game="" team="" ]