Guida al Natale su Amazon Prime Video: tanti cult da riscoprire

Come le sue concorrenti, anche la piattaforma online Amazon Prime Video ha pensato a una ricca programmazione per i giorni di festività e di Natale, di cui vi proponiamo una selezione. Anche se l’offerta di novità e produzioni originali lascia a desiderare, tanti sono i classici da (ri)vedere per vivere qualche ora di spensieratezza da condividere con i (pochi) amici e parenti che ritroveremo a Natale.

Leggi anche:
Guida al Natale su Disney+: tutti i film da non perdere

«10 giorni con Babbo Natale» (2020), di Alessandro Genovesi

Dopo il successo di 10 giorni senza mamma, dal 4 dicembre è disponibile su Prime Video il sequel 10 giorni con Babbo Natale, sempre diretto da Alessandro Genovesi. La commedia italiana è uno dei (pochi) prodotti originali creati quest’anno da Prime Video per il Natale. Il protagonista è Carlo (Fabio De Luigi), padre di famiglia disoccupato e con tre figli. Sua moglie, Giulia (Valentina Lodovini) ottiene un’importante promozione di lavoro che la costringe a trasferirsi in Svezia. Carlo non si perde d’animo e mentre la famiglia è in viaggio verso il nord Europa, uno strano incontro sconvolgerà l’ordine delle cose. Che si tratti veramente di Babbo Natale?

leggi anche:
Film natalizi? Che noia! 5 titoli per un natale alternativo

«Il Grinch (2000)», di Ron Howard

Nel paesino di Chinonsò, tutti i pittoreschi abitanti nonsochì vivono follemente il Natale. Tra corse ai negozi e impacchettamenti compulsivi, le loro strambe capigliature incorniciano una festa da non dimenticare. Ma c’è anche una creaturina verde pelosetta che, dal cucuzzolo della montagna osserva quella frivola frenesia e la detesta. Quello è il Grinch (Jim Carrey), che potrebbe impersonare l’alfiere di questo Natale 2020, diverso dagli altri e per questo meno avvolto da quell’ebbrezza affettiva che accompagna una grande tavolata natalizia. Tuttavia, sono i piccoli gesti d’amore, resi importanti da un periodo di lontananza e chiusura, che ci fanno apprezzare come la piccola Cindy (Taylor Momsen) convinca il Grinch a non odiare il Natale. E proprio perché quest’anno siamo tutti più burberi, non possiamo perderci la carismatica ironia di Jim Carrey e il dolcissimo messaggio d’amore di Cindy.

Leggi anche:
Merry Sitcom, 8 episodi natalizi da non perdere

«Dickens – L’uomo che inventò il Natale» (2017), di Bharat Nalluri

Ma non è veramente festa se nella nostra libreria non compare il celebre Canto di Natale di Charles Dickens, riadattato dall’iconico film del 2009, A Christmas Carol. Tuttavia, forse non ci siamo mai chiesti chi sia realmente l’uomo che ha inventato la tradizione letteraria del Natale.
Forse perché i banchi di scuola non ci invogliavano a conoscere meglio questo misterioso personaggio. Quindi perché non assaporare, sotto le feste, le genesi di un capolavoro natalizio? E Prime Video ci offre la soluzione, riportandoci nel 1843 con una commedia dalle tinte oniriche, ispirata alla vera storia della creazione del Sig. Scrooge e del suo viaggio di Natale. Tra
fantasmi del passato, presente e futuro e un dolcissimo Timmy, la letteratura incontra il cinema in una piccola perla da serata sotto le coperte, che ci aiuta a riscoprire la magia del buon cuore.

leggi anche:
Guida al Natale su Netflix: le novità e i classici da rivedere

«Una poltrona per due» (1983), di John Landis

Al giorno d’oggi esistono poche certezze. Una è che la Terra gira intorno al Sole secondo un’orbita ellittica in 365 giorni l’altra è che la sera di Natale non vi perderete Una poltrona per due. Vicino a essere definito un vero e proprio cult del Natale in famiglia, il film di John Landis racconta dell’intreccio tra il giovane manager Louis Winthorpe III° (Dan Aykroyd) e il clochard Billy Ray Valentine (Eddie Murphy), per una scommessa dei due spietati fratelli Randolph e Mortimer Duke, finanzieri di Philadelphia. Quando i due protagonisti si rendono conto dell’inganno, uniranno le forze per vendicarsi e mandare sul lastrico gli arroganti fratelli. Probabilmente saprete le battute a memoria, ma il divieto di qualsiasi festa e cenone per Natale è sicuramente l’occasione per rispolverare questo classico della commedia americana su Amazon Prime Video

«La Banda dei Babbi Natale» (2011), di Paolo Genovese

C’erano una volta un mantenuto, un veterinario e un chirurgo, scambiati erroneamente per una banda di rapinatori natalizi. Non è una barzelletta, ma una frizzante commedia con gli indimenticabili Aldo, Giovanni e Giacomo. E chi, meglio di loro, può strapparci una risata sotto le feste? Il rocambolesco trio dalla risata assicurata veste i panni di una squadra di un torneo di bocce, un po’ in stile Il Grande Lebowski, ma senza bowling. E improvvisamente si trova catapultata in un’ingenua incursione in appartamento, come una comica riedizione de Le Iene. Ma l’intreccio non finisce qui, quando la banda deve giustificarsi di fronte all’ironico e scocciato ispettore di polizia, Angela Finocchiaro che, la sera della Vigilia, vorrebbe essere a casa a festeggiare con la famiglia. Un Natale in commissariato? Si può fare, se ad accompagnare la festa c’è un gruppo scapestrato che non manca di sorprenderci, e di farci divertire.

Leggi anche:
Odio l’estate, il trio è tornato

«Il figlio di Babbo Natale» (2011), di Sarah Smith

Film di animazione candidato ai Bafta e ai Golden Globes, la storia diretta da Sarah Smith è una delle più interessanti mai realizzate sul Natale. Nella favola prodotta da Sony con la computer grafica 3D a essere protagonista delle feste non è solo Babbo Natale, ma anche i suoi due figli, Steve e Arthur. Ogni inverno i due lavorano insieme al padre alla grande macchina del Natale, dirigendo la consegna dei regali per i bambini di tutto il mondo. Per un errore del sistema, la piccola Gwen, che vive in Cornovaglia, non riceverà il suo regalo. Che fare? Arthur farà di tutto per salvare il Natale della piccola.

«Indovina chi viene a Natale?» (2013), di Fausto Brizzi

Indovina chi viene a Natale? Bella domanda, dato che quest’anno non ci aspettiamo folle oceaniche a bussare alla nostra porta. Una prospettiva infelice e scarna del popolare spirito natalizio. Ma forse Giulio (Diego Abatantuono) e Marina (Angela Finocchiaro) avrebbero preferito questa prospettiva. Quando si rifugiano nel loro chalet di montagna per le feste, infatti, non si aspettano di venire travolti da irriverenti eventi domestici. A infiorettare una modica cena in famiglia arrivano così i parenti caciaroni napoletani, l’indesiderato nuovo compagno di Chiara (Claudia Gerini) e il particolare fidanzato di Valentina (Cristiana Capotondi). Insomma, forse le sorprese non piacciono a tutti, ma alla fine è la magia del Natale a creare armonia familiare, nonostante gli imprevisti. Ed è bello, in un periodo così difficile, dominato dalla nostalgia comunitaria, ritrovare un sorriso con una commedia tutta all’italiana.

Selezione e testi di Valentina Cognini e Francesca Brioschi


Seguici su InstagramFacebookTelegram e Twitter per sapere sempre cosa guardare!

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. NPC Magazine è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Redazione NPC