fbpx
qualcuno-volò-sul-nido-del-cuculo-cover

Qualcuno volò sul nido del cuculo, un inno alla libertà. L’indimenticabile storia di Ken Kesey compie sessant’anni

1 minuto di lettura

Da secoli, negli Stati Uniti, si tramanda una nenia popolare per bambini che recita: Uno stormo di tre oche, una volò ad est, una volò ad ovest, una volò sul nido del cuculo. Questa filastrocca parla del destino, una forza imprevedibile e casuale che porta ognuno di noi in direzioni differenti. C’è anche chi finisce nel «nido del cuculo». Un luogo simbolico che, nello slang americano, allude al manicomio.

Proprio uno di questi nidi accoglie la storia narrata da Ken Kesey nel suo Qualcuno volò sul nido del cuculo, di cui, quest’anno, ricorre il sessantesimo anniversario dalla prima pubblicazione.

Continua a leggere l’articolo di Costanza Valdina su Magma Magazine

qualcuno-volò-sul-nido-del-cuculo-recensione

Seguici su InstagramTik TokFacebook e Telegram per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[streamweasels layout="status" channels="npcmagazine" game="" team="" ]