fbpx
Saw X

Saw X deve chiudere i giochi

La saga horror ideata da James Wan oggi si "arricchisce" di un capitolo. Nostalgica, insensata, manovra di marketing grottesca e comicamente delirante.

6 minuti di lettura

Si esce finalmente soddisfatti dalla sala dopo Saw X. Da una parte perché il decimo capitolo della serie di film horror ideati da James Wan, diretto da Kevin Greutert e uscito in sala il 25 ottobre, è per fortuna arrivato ai titoli di coda rosso sangue. Dall’altra perché si spera che alle battute finali ci sia arrivata anche la saga stessa, dopo ormai vent’anni di film, tra cui sette sequel (con Saw X otto) e due spinoff.

Saw X, un salto nel passato

Saw X Jigsaw in una scena del nuovo capitolo tratto dalla saga di James Wan

Quando si dice al peggio non c’è fine: continuano le sofferenze dello spettatore e quelle dei protagonisti finiti nella trappola di John Kramer (riconfermato il sempre ottimo Tobin Bell). In un prequel ambientato a metà tra gli eventi del primo e del secondo Saw, Kramer scopre che il suo cancro al cervello, incurabile, è arrivato a uno stadio molto avanzato. Gli restano soltanto circa 3 mesi di vita. La speranza si fa meno vana quando un altro malato terminale, che Kramer conobbe durante un incontro di sostegno, dichiara di essere guarito grazie a una tecnica innovativa ma sperimentale studiata dalla famiglia Pederson. La realtà è però più complicata della fantasia, e Kramer trova nuove anime sacrificabili per i suoi giochi.

Lotta per la sopravvivenza tra John Kramer, le vittime e… gli spettatori

Saw X una scena del nuovo film della saga di James Wan

Un po’ si era capito; John Kramer, malato, in fin di vita, fatica a trovare la forza per continuare i suoi esperimenti. Di sicuro trovarsi di fronte a delle autentiche fecce dell’umanità, senza neanche un minimo di ritegno o etica nei confronti dei loro simili, può invece aver aiutato. Saw X vuole essere così un anello di congiunzione che copra i buchi di trama tra il Saw primo e il Saw secondo. In fondo, il pretesto di John Kramer nel primo capitolo era quello di compiere l’ultima azione prima della condanna definitiva: il cancro lo ha consumato, lui è già morto, e a constatarlo è la sua presente pantomima nella stanza.

Ma chi non muore si rivede, o meglio, chi incassa tanto abbastanza da poter marciare molti anni su reboot e sequel di sorta, deve per forza sopravvivere. Le ambientazioni di Saw X sono così quelle nostalgiche dei primi capitoli, e ciò che spinge Kramer è quella sana sfiducia nei confronti dell’umanità che in qualche modo vuole passare per giustificato giustizialismo. I giochi del nuovo capitolo ricalcano i pretesti inquietanti di quelli precedenti, l’horror dovrebbe formarsi proprio a partire da essi.

Saw X, nostalgia portami via

Saw X una scena del nuovo film della saga di James Wan

Ma sebbene la macchinazione artificiale di John Kramer spinga sui pedali della a-moralità delle vittime, un’intensa prima parte del film fa fatica a penetrare nel profondo dello spettatore.

In modo grottesco, insensato, attraverso una narrazione sentimentalista fine a sé stessa, John Kramer è dipinto come la vittima da mortificare. Loro sono malvagi, fecce dell’umanità, appunto; imperdonabili, hanno fatto del male al protagonista, oggi più un’icona amata da milioni di persone che inquietante presenza spettrale qual era nel primo Saw. Non a caso c’è anche il bambolotto, Jigsaw, ma anche lui appare solo per passeggiare sul red carpet della nostalgia.

What is going on!?

Saw X una scena del nuovo film della saga di James Wan

Non solo complicità, dallo spettatore Saw X vuole ricavare anche una specie di contatto affettivo. Ma, complice anche una scena al limite del credibile con un bambino che il protagonista ha conosciuto, si decade praticamente nel ridicolo anche nei momenti più splatter: cervella estratte a mano dagli stessi soggetti, camere a gas con gloryhole per permettere di respirare, cascate di sangue, ragazze appese come insaccati e arrostite con un phon. Non c’è niente da dire su questo, Kevin Greutert è abilissimo nel riuscire ad azzeccare i tempi comici. È un horror, ma nello stile di Scary movie.

E anziché il what a fuck, l’espressione che balza per la maggiorparte del tempo è piuttosto what is going on. Cosa succede? Tuttavia, è da vent’anni che molti se lo stanno chiedendo. Da due decenni il mondo ha conosciuto Jigsaw nella sua vera natura: alto, complottista, paradossalmente onesto, ma soprattutto didascalico, noioso, ripetitivo. È tempo di cambiare musica, i giochi ci hanno stancato da un bel po’.


Seguici su InstagramTik TokTwitch e Telegram per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

Studente alla Statale di Milano ma cresciuto e formato a Lecco. Il suo luogo preferito è il Monte Resegone anche se non ci è mai andato. Ama i luoghi freddi e odia quelli caldi, ama però le persone calde e odia quelle fredde. Ripete almeno due volte al giorno "questo *inserire film* è la morte del cinema". Studia comunicazione ma in fondo sa che era meglio ingegneria.

2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.