fbpx
secret-love-npcmagazine

Secret Love, un viaggio attraverso i ricordi

In sala dal 20 luglio, Secret Love parla di ricordi, di dettagli, d'amore e di segreti; emozioni proibite che implodono nella memoria

6 minuti di lettura

È al cinema dal 20 luglio Secret Love, l’adattamento cinematografico del romanzo di Graham Swift Un giorno di festa, diretto dalla regista francese Eva Husson, scritto da Alice Birch e presentato al Festival di Cannes 2021 nella categoria Cannes Première.

Secret Love NPC Magazine

Secret Love tratta le vicende di Jane Fairchild, una cameriera che lavora per l’abbiente famiglia Niven; Jane ha una relazione segreta con Paul Sheringham, figlio dei vicini dei Niven e promesso sposo di Emma Hobday.

Poco dopo l’inizio del film si scoprirà che le vicende mostrate sono ambientate nel passato e non sono altro che i ricordi di Jane, che possiamo vedere prima più adulta e sposata con Donald e, successivamente, anziana.

Nel cast troviamo Odessa Young nel ruolo della protagonista, l’astro nascente del cinema britannico Josh O’Connor (celebre per la pluripremiata The Crown e prossimo a lavorare con Luca Guadagnino nel suo Challengers), due giganti del cinema britannico quali Colin Firth e Olivia Colman, e infine il ritorno sulle scene della leggendaria Glenda Jackson, attrice due volte premio Oscar che non appariva sul grande schermo dal 1989.

I dettagli come chiave per dare forza ai ricordi

Jane si sposa e diventa una scrittrice, ma il fulcro di Secret Love è legato principalmente alla sua formazione, al punto di svolta che ha cambiato completamente la sua vita, il tutto visibile e vivibile grazie ai ricordi che, contrariamente a come di solito affiorano la mente nella vita reale – confusi, essenziali, sbiaditi – qui vengono resi in modo preciso e dilatato perché estremamente importanti per la vita del personaggio.

Eva Husson si concentra sui dettagli rendendoli parte integrante della narrazione per immagini, a volte facendoli apparire in scene con un montaggio veloce, a volte invece soffermandovisi più del dovuto, portando in scena un interessante contrasto di tempi registici: ad esempio, nella scena iniziale, inquadratura sulle mani di Jane che accende la lampada, stacco e inquadratura sulle mani che abbottonano il vestito, di nuovo stacco e inquadratura sulle mani che legano i capelli.

Le inquadrature sui dettagli della quotidianità si ripresentano nella scena seguente con la colazione dei coniugi Niven e l’inquadratura che va sulle mani di Jane che versa il tè e successivamente sulle mani del signor Niven che spalma il burro sul pane tostato, tutti gesti irrobustiti da un importante uso del sonoro, sempre presente nel rendere i piccoli gesti non così piccoli, e pertanto rendere i dettagli protagonisti delle immagini.

L’elegante regia d’atmosfera di Eva Husson

Secret Love NPC Magazine

La “semplice” scena della colazione rivela già tanto della tecnica e dello stile della regista: le due star inglesi non rubano la scena, vengono messi in inquadrature eleganti, essenziali e con il soggetto mai al centro dell’immagine; le luci naturali che illuminano la sala saranno presentissime e fondamentali in un film d’atmosfera come questo; la camera a mano è evidente – a volte tremolante – simbolo di una visione palpabile, accompagnata da un preciso utilizzo della messa a fuoco che consente allo spettatore, nuovamente, di soffermarsi sui dettagli tanto cari alla regista.

L’eleganza di Secret Love è notevole anche nei momenti più espliciti tra Jane e Paul, nelle memorie più nascoste della relazione tra i due amanti: non ci si sofferma sui rapporti passionali, ma su quel che accade dopo, portando lo spettatore in una circostanza profondamente intima tra i due personaggi, messi a nudo fisicamente ed emotivamente.

Secret Love, quando un segreto cambia la vita

Secret Love NPC Magazine

Come detto, l’intera pellicola è caratterizzata dai flashback di Jane – o forse sarebbe meglio dire che il film è nel passato, mentre la particolarità consiste nei flashforward – ma il senso di questo viaggio attraverso il tempo e le memorie sta nel realizzare il cambiamento della protagonista, un’evoluzione mossa da qualcosa che resterà per sempre ed esclusivamente dentro di sè.

Donald chiede a Jane cosa l’ha portata a diventare una scrittrice, e lei risponde che ci sono stati tre momenti chiave: quando è nata e quando le è stata regalata una macchina da scrivere. Il terzo momento resterà un mistero per lui, ma sarà evidente per lo spettatore che vive nelle sue memorie.

Secret Love è quindi un film che parla di ricordi, di dettagli, d’amore e di segreti; parla di sentimenti inespressi, o espressi in segreto, di emozioni proibite che implodono nella memoria di chi li ha vissuti in quanto unica persona ad esserne a conoscenza.


Seguici su InstagramTikTokFacebook e Telegram per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

Classe 1997, appassionato di cinema di ogni genere e provenienza, autoriale, popolare e di ogni periodo storico. Sono del parere che nel cinema esista l'oggettività così come la soggettività, per cui scelgo sempre un approccio pacifico verso chi ha pareri diversi dai miei, e anzi, sono più interessato ad ascoltare un parere differente che uno affine al mio.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[streamweasels layout="status" channels="npcmagazine" game="" team="" ]