fbpx
The Book of Fish film

The Book of Fish, contrasti sociali e ideologici nel film di Lee Joon-ik

Una storia delicata sulla storia e le contraddizione dell'oriente

//
6 minuti di lettura

Il periodo del Grande Joseon è stato il regno dinastico più longevo della Corea, durato dal 1392 al 1897 e dove la tradizione filosofica-religiosa del Neoconfucianesimo è diventata l’ideologia di stato, scontrandosi quindi con il Buddismo e soprattutto con il Cristianesimo, arrivato in Corea all’inizio del diciannovesimo secolo grazie ai libri scritti di alcuni missionari gesuiti cinesi e prontamente represso violentemente per molti anni dalla famiglia reggente.

È in questa specifica cornice storica che il regista Lee Joon-ik ambienta il suo ultimo lungometraggio, The Book of Fishche dopo essere stato presentato nel 2021 in molto festival coreani riesce a sbarcare anche in Europa grazie al Florence Korea Film Fest. L’ultimo lavoro di Lee Joon-ik, famoso in patria per aver diretto uno dei maggiori successi di sempre al botteghino King and the Clownvede tra i protagonisti il giovane Byun Yo-han e il bravissimo Sol Kyung-gu (protagonista di Oasis del maestro Lee Chang-dong).

Una storia tra pesci e Confucianesimo

The Book of Fish film

È il 1801 e il funzionario di corte Jeong Yak-jeon viene costretto all’esilio dal nuovo Re Jeongjo per aver abbracciato la fede cattolica. Viene separato dalla sua famiglia e obbligato a recarsi su una piccola isola lontana dalla terraferma e da ogni contatto con il resto del paese. Anche se addosso porta la nomea di traditore, i pochi cittadini dell’isola lo accolgono volentieri e gli offrono un luogo in cui dormire e dei pasti freschi. Jeong si trova immediatamente a suo agio in quel luogo sperduto, si interessa alle questioni sociali dell’isola e cerca di darsi da fare in ogni modo per meritarsi quella calorosa accoglienza.

Si interessa soprattutto alla vita di un giovane pescatore di nome Jang Chang-dae, appassionato e studioso del confucianesimo e dei suoi libri fondamentali con il desiderio di avere un ruolo da intellettuale nell’alta società. Vorrebbe aiutarlo con i suoi studi, ma il giovane non accetta le sue idee religiose e non vuole avvicinarsi a una persona che accoglie il cristianesimo.

Tutto cambia però quando Jeong gli offre uno scambio equo: lui lo aiuterà con gli studi mentre il pescatore lo aiuterà a scrivere un libro sulla vita marina per ordinare tutto ciò che si conosce sui pesci e le altre creature dei mari. Iniziano così a studiare e imparare assieme, a completarsi a vicenda e a istaurare un rapporto di amicizia profonda, finché però le loro idee così lontane torneranno a scontrarsi e a dividerli sui bivi della vita da intraprendere

Un oriente confuso e contraddittorio

The Book of fish film di Lee Joon-ik

The Book of Fish è un film delicato, con un bianco e nero luminoso, capace di guidarci dentro la storia, all’interno di un passato lontano e diverso dalla contemporaneità, dentro alle tradizioni di un popolo radicato e legato a idee completamente opposte da quelle occidentali.

Lee Joon-ik utilizza uno specifico momento storico per parlare del presente e di concetti universali, riesce tramite un dualismo ideologico instaurato tra i due protagonisti a riflettere sullo scontro tra la ferma intransigenza della tradizione e la fluidità della modernità, da un lato la genuina voglia dell’anziano maestro di aprirsi al mondo e dall’altro la radicale scelta del giovane pescatore di credere a ciò che gli scritti del passato hanno detto.

The Book of Fish riesce benissimo anche a far emergere le contraddizioni di un popolo orientale schiavo delle proprie idee, da sempre è confuso su quale strada ideologica e morale intraprendere. Le idee confuciane che tutti devono seguire sono presenti e vengono approfondite durante tutto il film e Lee Joon-ik le mette in continuo contrasto con un atteggiamento della nobiltà, la prima classe che dovrebbe seguire la via della giustizia e della pace, meschino e incapace di accettare il diverso.

Un cane che si morde la coda, un sabotaggio interno ipocrita che ha reso l’intero oriente un luogo spaccato, incapace di capire e correggere i propri errori. E alla fine un libro sui pesci, tanto desiderato da Jeong Yak-jeon, diventa l’obiettivo più importante, il giusto fine per cui usare il proprio tempo e sforzo, perché tutto il resto, apparentemente più importante, non funziona e sembra non portare a niente. The Book of Fish fa capire come forse sono le cose meno importanti ad essere quelle fondamentali.


Seguici su InstagramTikTokFacebook e Telegram per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

Il cinema e la letteratura sono gli unici fili su cui riesco a stare in equilibrio. I film di Malick, Wong Kar Wai, Jia Zhangke e Tarkovskij mi hanno lasciato dentro qualcosa che difficilmente riesco ad esprimere, Lost è la serie che mi ha cambiato la vita, il cinema orientale mi ha aperto gli occhi e mostrato l’esistenza di altre prospettive con cui interpretare la realtà. David Foster Wallace, Eco, Zafón, Cortázar e Dostoevskij mi hanno fatto capire come la scrittura sia il perfetto strumento per raccontare e trasmettere ciò che si ha dentro.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[streamweasels layout="status" channels="npcmagazine" game="" team="" ]