«Gomorra – New Edition» inaugura Il Cinema Ritrovato

Parallelamente alla rassegna estiva Sotto le Stelle del Cinema, la Piazza Maggiore di Bologna torna a risplendere grazie alla 34esima edizione de Il Cinema Ritrovato 2020. Manifestazione annuale organizzata dalla Cineteca di Bologna, ricca di appuntamenti imperdibili per gli amanti del cinema. Proprio in occasione di questo nuovo capitolo è stato scelto il film di consacrazione per uno dei registi più rilevanti del cinema italiano contemporaneo, tra i più apprezzati oltreoceano: Gomorra di Matteo Garrone.

Matteo Garrone in diretta sul grande schermo

Gomorra

Dopo la limpida e consueta introduzione del direttore della Cineteca Gian Luca Farinelli, l’ampio schermo di Piazza Maggiore ha preso vita, presentando un video esclusivo per inaugurare il festival. La voce dell’attore bolognese Stefano Accorsi accompagna un montaggio di immagini tratte dagli invidiabili restauri di cui la Cineteca si è occupata. Un racconto che unisce passato e presente in cui l’accento è stata posta sulla continua scoperta del cinema che mai come adesso abbiamo l’occasione di riscoprire.

A seguire, terminata l’azzeccata e suggestiva introduzione, Matteo Garrone è stato protagonista di una video intervista a tutto schermo condotta dallo stesso Farinelli. Dal dialogo in split screen, durato all’incirca mezz’ora, sono emersi molti dettagli sulla nuova versione del capolavoro cinematografico.

Dai primi ringraziamenti di Garrone nei confronti dell’aiuto regista Andrea Tagliaferri e la casa di produzione Fandango è risultato facile comprendere come Gomorra – New Edition si proponga al pubblico come un’operazione totalmente personale ed artistica alla quale hanno partecipato i più affezionati al progetto. Matteo Garrone ha spiegato come una visione in compagnia del figlio undicenne abbia suscitato in lui diversi dubbi sull’impianto narrativo.

La nuova veste di «Gomorra»

Gomorra

In collaborazione con Fondazione Cineteca di Bologna, Gomorra – New Edition gode di una nuova veste digitale 4K di ottima fattura grazie alla scansione presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata di Bologna. Immagini nuove e una color correction che non snatura ma arrichisce il film, sono solo alcuni dei ritocchi apportati ad una pellicola (in questo caso non più) che viene vista in tutto il mondo e che, a detta di Garrone, poteva non risultare fruibile a tutti.

Per Matteo Garrone, come altri registi, ogni suo film rappresenta un tassello felice della sua vita e la filmografia una famiglia che si ingrandisce. Ispirato dal romanzo di denuncia di Roberto Saviano, Gomorra rappresenta un punto di non ritorno per il cinema italiano del nuovo millennio. Questo restauro non smentisce le scelte della prima versione ma ne rafforza l’esperienza, allo scopo di aumentarne i confini di divulgazione per un film vero e coraggioso tanto quanto il testo da cui è tratto.


Seguici su Instagram, Facebook e Telegram per scoprire tutti i nostri contenuti!

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. NPC Magazine è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Edoardo Rimoldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.