Ce l’ho Corto Film Festival 2020, la seconda edizione arriva online

Torna per la sua seconda edizione il Ce l’ho Corto Film Festival, festival di cortometraggi organizzato dall’Associazione Culturale bolognese Kinodromo in stretta collaborazione col collettivo Inside Porn. L’appuntamento è fissato per l’ultimo fine settimana di novembre (dal 25 al 28). La pandemia non ha fermato le organizzatrici e gli organizzatori, che hanno deciso di spostare l’evento online. Tre le sezioni di quest’anno: Ce l’ho Corto, Internazionale e una novità del 2020, Animazione. In più, la sezione off Ce l’ho Porno, a cura di Giulia Moscatelli, Maria Giulia Giulianelli, Arianna Quagliotto di Inside Porn, che prevede non solo porno espliciti ma anche prodotti di finzione e documentari. Quest’anno al centro ci sono le dinamiche relazionali, recentamente stravolte dalla pandemia. Si aggiungono due focus, uno a tema Industry e uno a tema Gaming, fruibili gratuitamente sulle piattaforme social del festival.

Ce l'ho corto festival
Lola (Francesca Tasini, Germania, 2019)

I 50 corti selezionati, realizzati da autori e autrici emergenti, saranno accessibili dalla piattaforma streaming OpenDDB, a partire dalle ore 18 di mercoledì 25 novembre ogni giorno per 24 ore con replica speciale dell’intera programmazione domenica 29 novembre. Il prezzo dell’abbonamento online è di soli 3 euro. Manca, causa Covid, il cosiddetto Speed Date, che avrebbe permesso al pubblico di interagire faccia a faccia con operatori del mondo del cinema. Nonostante l’assenza di questa possibilità, la segreteria del Ce l’ho Corto Film Festival è disponibile a fare da intermediario tra gli interessati e i professionisti. Noi di NPC Magazine seguiremo e racconteremo l’evento in qualità di Media Partner.

Leggi anche: «Cortocircuito», gli irresistibili corti Disney+

Ce l’ho Corto Film Festival: il programma

Ce l'ho corto festival
Archibald’s Syndrome (Daniel Perez, France, 2019)

L’elenco dei cortometraggi in concorso è disponibile qui. Di seguito, il programma del festival giorno per giorno.

  • Mercoledì 25 novembre. Alle 18 l’inaugurazione del festival, con un talk speciale dedicato alle donne del cinema. Presentati i corti diretti da donne Giusto il tempo per una sigaretta (Valentina Casadei, Italia, 2020), Gas Station (Olga Torrico, Italia, 2020) e Lola (Francesca Tasini, Germania, 2019). Presentati anche i 9 corti della sezione off Ce l’ho Porno. Alle 21 il talk con la regista Ali Kurr, a cura di Inside Porno.
Ce l'ho corto festival
A meeting (Giuseppe Lanno, Italia, 2019)
  • Giovedì 26 novembre. Dalle 18 alle 20, il focus a tema Gaming, per parlare delle dinamiche produttive nel mondo dei videogiochi e della connessione tra gaming e cinema. Gli ospiti: Roy Menarini (critico cinematografico, scrittore, docente universitario), Francesco Toniolo (professore di Linguaggi e Semiotica dei Prodotti Mediali), Andrea Dresseno e il progetto IVIPRO, Simona Maiorano (sviluppatrice di videogames), Marta Ascari (compositrice cinematografica e videoludica) e l’associazione Bologna Nerd. L’incontro delle 21 sarà invece a tema fascismi, con i registi di L’ultimo fascista (The Last Fascist) (Giulia Magda Martinez, Italia, 2020), Patrioten Sterben Nicht (Patriots Don’t Die) (João Prado, Germania, 2020), Why Kill Them? (Ludovic Bonleux, Messico, 2019), corti nella programmazione della giornata. Iniziano i corti d’animazione (anticipati sabato 21 novembre con un workshop online su iscrizione a cura di Francesco Filippi) con Bear with me dell’israeliana Daphna Awadish (Paesi Bassi, 2019) e Awkward dell’ucraina Nata Metlukh (Stati Uniti, 2020).
Ce l'ho corto festival
Washing Machine (Alexandra Májová, Repubblica Ceca, 2020)
  • Venerdì 27 novembre. All’insegna dei cortometraggi sperimentali. Tra i titoli Mary, Mary So Contrary (Nelson Yeo, Singapore, 2019), Searching for the Perfect Gentleman — An Investigative Journey (Lena Windisch, Germania, 2019), Fragments (Andrea Salibra, Spagna, 2020) e Bedsore (Parin Intarasorn, Tailandia, 2019). Alle 21 l‘incontro con i registi Melo Viana, Oliver Folcarelli, Andrea Salibra e Bahare Ruch ai quali il Festival dà l’occasione di presentare in prima persona al pubblico le proprie opere.
Ce l'ho corto festival
The Hermit in the Night (Rodolfo Lissia, Italia, 2019)
  • Sabato 28 novembre. Ci sarà il Talk Short, con focus sull’industria cinematografica. Tre i selezionati dal Festival tramite un’open call che avranno la possibilità di presentare i progetti dei loro corti in fase di sviluppo a professionisti del settore. Saranno gli under30 Roberta Martinelli con Sa Sùrbile, Roberta Palmieri con Pesce Siluro e Vincenzo Pandolfi con Red Buffalo. La selezione giornaliera di corti prevede In Medusa (Antar Corrado, Italia, 2020), Eggshell (Ryan William Harris, Italia, 2020), Kids (Michael Frei, Svizzera, 2019) e Cynthia (Jack Hickey, Irlanda, 2019).
  • Domenica 29 novembre. Dalle 8 alle 24 sarà possibile vedere in replica tutti i corti del Ce l’ho Corto Film Festival. Alle 21 si terranno le premiazioni.
  • Lunedì 30 novembre. Proiezione in replica dei corti vincitori.

Seguici su Instagram, Facebook, Telegram e Twitter per sapere sempre cosa guardare!

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. NPC Magazine è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Agata Iacopozzi