«Le sorelle Macaluso»: il dolore che pietrifica | Venezia77

È di Emma Dante il quarto e ultimo film italiano in Concorso alla 77° Mostra del Cinema di Venezia: Le sorelle Macaluso. Per la regista e drammaturga è la seconda partecipazione al Festival, dopo Via Castellana Bandiera (2013), che valse la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile a Elena Cotta.  

«Le sorelle Macaluso», la trama

sorelle macaluso

Maria, Pinuccia, Lia, Katia e Antonella sono cinque giovani sorelle che vivono da sole in una piccola casa nella periferia di Palermo. In un’afosa mattinata estiva, decidono di andare al mare. La giornata, iniziata all’insegna del divertimento, viene però sconvolta da un evento drammatico, che segnerà per sempre le esistenze delle protagoniste, raccontate dal film in tre capitoli, corrispondenti alle tre età della vita.

Leggi anche:
«Le sorelle Macaluso» di Emma Dante, l’opera teatrale dietro al film

Tratto dall’omonima opera teatrale scritta dalla stessa Emma Dante, Le sorelle Macaluso è un film sulla famiglia, sul tempo e sulle ferite che questo non può curare. Una liturgia familiare in cui i morti non se ne vanno mai veramente e i vivi rimangono aggrappati alla loro memoria, rivolgendo lo sguardo al passato e impedendo a se stessi di guardare avanti.

Vite immobili

sorelle macaluso

Nel film, oltre alle Macaluso, vi è un secondo gruppo di personaggi: gli oggetti. Sempre gli stessi, essi invecchiano con le protagoniste, in una casa in cui negli anni nulla è mai cambiato: anch’essa immobile, come le donne che la abitano. Stessi gesti, stesse liti, stessi rancori. Nessuno, in quell’appartamento all’ultimo piano, è mai andato avanti con la propria vita; così come la maniglia della porta sul balcone non è mai stata aggiustata; l’alone nero delle sigarette spente da Katia non si è schiarito; il “servizio buono” di piatti è lo stesso da più di vent’anni.

Leggi anche:
La voce umana, Pedro Almodóvar e Tilda Swinton illuminano Venezia77

Ogni capitolo del film si conclude con una morte che chi resta non riesce a metabolizzare, e così chi è vivo lo è solo per metà. Si parla continuamente di andare via, ma non lo si fa. Sul mobile, uno svuota tasche con quattro mazzi di chiavi, dei quali nessuna sorella si sbarazzerà mai, perché è in quella casa che tutte continueranno a tornare.  

E quando ci si accorge di non aver mai davvero cominciato a vivere, è ormai troppo tardi. Maria sognava di fare la ballerina e in quella maledetta estate si era innamorata. Poi tutto si è fermato. Ora, cresciuta e con un cancro che la sta consumando, come risvegliata dal torpore in cui si era rifugiata per anni, indossa un tutù bianco, si siede a tavola e divora un intero vassoio di dolci. Li ingurgita con smania, uno dopo l’altro, piangendo; come se su quel vassoio ci fosse la vita che non ha mai vissuto e che non vivrà mai.

Un simbolismo eccessivo

sorelle macaluso

Nella versione teatrale de Le sorelle Macaluso, la scenografia è assente, lo sfondo nero, i costumi e gli oggetti di scena ridotti al minimo. Il film, invece, appare sovraccarico di elementi. Emma Dante si lascia tentare dalle possibilità del mezzo cinematografico per dare vita all’universo di simboli che già pervadevano la pièce, rendendola affascinante, ma che qui, più numerosi ed espliciti, invece di impreziosire la messa in scena, finiscono per appesantirla.

Leggi anche:
La moglie della spia, l’impegno della borghesia giapponese | Venezia77

In mezzo al repertorio disordinato e saturo di suggestioni concepite dalla regista (alcune delle quali un po’ cliché, come il piatto andato in frantumi e rincollato da Maria), diventa difficile orientarsi, capire quale sia il messaggio che si vuole comunicare e di che cosa parli, davvero, il film.

«Le sorelle Macaluso»: un adattamento poco convincente

Il film di Emma Dante si dimostra non all’altezza della sua versione per il palcoscenico che, quando debuttò nel 2014, vinse alcuni tra i più prestigiosi premi teatrali.

Nonostante le buone interpretazioni, la pellicola soffre di una sceneggiatura che, nella sua versione per lo schermo, perde vigore e capacità di emozionare, sacrificata a favore di immagini ben lontane dal godere della medesima potenza comunicativa.


NPC Magazine è al Festival di Venezia per raccontarti i segreti di quest’eccezionale edizione. Seguici su Instagram, Facebook, Telegram e YouTube per non perderti nulla.

 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. NPC Magazine è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Cristina Sivieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.