fbpx
pray-predator-disney

Prey, il prequel di Predator regala una nuova guerriera

3 minuti di lettura

Ormai è proprio vero: sono finiti i tempi delle principesse per la Disney, è arrivato il momento delle eroine; e Prey (con la sua guerriera Naru), film diretto da Dan Trachtenberg, è l’esempio più lampante della rivoluzione favolistica, il vero punto di svolta, un cambiamento serio e studiato a dovere. La principessa lascia il testimone alla eroina. Ultimo capitolo della saga di Predator, prequel della cultissima saga nata nel lontano ’87, Prey è disponibile dal 5 agosto sulla piattaforma streaming Disney+.

Le origini del predatore

Prey Predator NPC Magazine

La Disney torna a far rivvivere una delle saghe più amate del cinema mondiale, e lo fa raccontando le orgini del mostro, le origini del predatore.

1700, una terribile, crudele quanto indefinita presenza attacca una tribù di Comanche. Non un animale, e nemmeno un mostro, ma qualcosa di estraneo, mai visto prima, venuto da lontano, da un altro mondo e con tecnologie che poche speranze lasciano a lance e frecce (o alle pallottole dei coloni). Naru (Amber Midthunder), intrapendente e solitaria eroina, farà di tutto pur di proteggere i suoi e sconfiggere la nuova e misteriosa minaccia, arrivando a sfidarlo in un atroce confronto.

Predator e Nativi, un accostamento ambiguo, forse anche ostico, ma che in Prey, viene sviluppato a dovere. Potrebbe sembrare un’idea un po’ folle, da filmaccio di serie z anni ’70, eppure alieni (ancora oggi) futuristici e indiani d’America in questo piccolo film (di 100 minuti) riescono a convivere senza troppi sforzi. Si passa dall’action alla paura, dal fantascientifico al film di formazione e al thrilling, e l’azione (anche se a singhiozzi) non tarda ad arrivare.

Ottima l’atmosfera del racconto. Ambientazioni cupe, selvagge e azioni macabre, spietate, con un tenue alone di splatter.

Una vera guerriera

Prey Predator NPC Magazine

Se loro non vedono tu mostraglielo

Lo dice Naru all’inizio del film, e la frase, pronunciata en passant, rimane come leitmotiv di tutta l’opera. Ed è proprio la protagonista a mostrare, sia alla sua tribù sia allo spettatore cosa sta per succedere.

Una nuova protagonista in veste Disney. Una guerriera, una vera guerriera. Una eroina che fa dell’intelligenza e dell’astuzia il suo punto di forza; la sua arma migliore. Vedere lo scontro finale per credere.

Prey Predator NPC Magazine

In breve, Prey è un buon passatempo. Poco impegno e buona resa per un film che di certo (ovviamente) non punta alla palma d’oro a Cannes. Buoni gli attori, tra tutti Amber Midthunder, la protagonista, presente in quasi tutti i cento minuti. Meno buoni, invece, gli effetti speciali, a tratti deboli e la regia che alterna momenti discreti a gravi cadute di stile (la ripetizione rende disgustosa anche la tecnica di trasfocatura continua).


Seguici su InstagramTikTokFacebook e Telegram per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[streamweasels layout="status" channels="npcmagazine" game="" team="" ]