fbpx
marcel! locandina

Marcel!, l’intimo esordio alla regia di Jasmine Trinca

Jasmine Trinca lascia felicemente sorpreso il pubblico italiano, invitato a riscoprirla come regista con il piglio d'auteur

/
5 minuti di lettura

È al cinema dall’1 giugno il film d’esordio alla regia di Jasmine Trinca, la pluripremiata attrice italiana che quest’anno, proprio alla 75ª edizione del Festival di Cannes, oltre ad aver presentato il suo film nella sezione delle Proiezioni Speciali, ha anche fatto parte della Giuria dei film in concorso.

La conflittualità tra artista e figlia d’arte

Marcel! NPC Magazine
Alba Rohrwacher e il cane Marcel in una scena del film.

“All’arte si deve la vita”, frase chiave pronunciata dal personaggio interpretato da Alba Rohrwacher, artista di strada accompagnata sempre dal suo cane e collega di performance Marcel, mentre la figlia (interpreta da Maayane Conti) sta lì, in disparte, come un personaggio pronto per salire sul palcoscenico ma costantemente in attesa, nascosto dal sipario. La scomparsa del cane stravolgerà la vita della madre, inasprendo ancor di più i rapporti con la figlia, che entrerà in scena portandosi dietro un bagaglio di rancori inespressi (e che purtroppo per il film resteranno tali).

Il rapporto conflittuale tra le due è frutto di un legame più profondo tra la madre e Marcel, probabilmente non un vero e proprio legame affettivo, ma un legame artistico tra performer, un valore che la figlia non può ottenere restando se stessa.

Marcel!, un film intimo e introverso

Marcel! NPC Magazine
La figlia, interpretata da Maayane Conti.

Quello di Jasmine Trinca è un film intimo, a tal punto da diventare introverso, poiché incapace di smuovere gli animi dei suoi personaggi, che vorrebbero e dovrebbero venir fuori per le dinamiche della trama, ma che restano ancorati a scorci di dialoghi che si affacciano sullo schermo senza farsi notare, apparendo senza emozionare.

A intensificare l’incertezza caratteristica dei personaggi c’è la scelta di non dare loro dei nomi: eccetto per Marcel, c’è la madre, la figlia, il nonno (interpretato da Umberto Orsini) e la nonna (interpretata da Giovanna Ralli, fresca vincitrice di un David di Donatello alla carriera); di certo non è il primo film ad agire in questi termini, ma in questo caso è come se si creasse ancora più distacco tra i personaggi e lo spettatore, quasi come se quest’ultimo non conoscesse davvero i protagonisti della storia a cui sta assistendo.

Va detto però che questa potrebbe essere una cosa voluta, mirata a rendere “reale” solo il cane Marcel in quanto rappresentazione dell’arte, con un nome talmente importante da diventare il titolo dell’opera.

Jasmine Trinca, un occhio artistico che promette bene

Marcel! NPC Magazine

Nonostante una sostanza acerba, Jasmine Trinca dimostra un’ottima mano sul lato tecnico: gira in 4:3 e predilige inquadrature fisse, sfoggiando quadri da colori tenui e immagini che riescono ad incantare nel loro spirito fantasioso, circense e a tratti teatrale, con timidi ma piacevoli rimandi al cinema muto. A valorizzare l’estetica c’è un’altra fresca vincitrice di un David di Donatello, ovvero la direttrice della fotografia Daria D’Antonio, la prima donna a vincere nella categoria Miglior fotografia (vittoria ottenuta per È Stata la mano di Dio di Paolo Sorrentino).

La suddivisione in capitoli risulta l’unica pecca formale in quanto poco necessaria ai fini del racconto, dando l’idea di una scelta autoriale un po’ fine a se stessa.

Marcel! NPC Magazine

Marcel! è un film in cui le emozioni vengono risvegliate proprio dall’aspetto estetico di una messa in scena ben calibrata dal promettente occhio artistico di Jasmine Trinca. La frase chiave “All’arte si deve la vita” diventa quindi la perfetta descrizione di un film ben fatto ma poco “vitale”, di una piccola personale opera che – come la madre – predilige l’artificio al sentimento.

Un Purgatorio con tanto di svenimenti danteschi, che non chiudono Canti, ma lasciano costantemente sospesi tra una performance e un’emozione inespressa di personaggi troppo chiusi in se stessi per creare empatia con lo spettatore.


Seguici su InstagramTikTokFacebook e Telegram per sapere sempre cosa guardare!

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Sostieni la cultura giovane, libera e indipendente: iscriviti al FR Club

Classe 1997, appassionato di cinema di ogni genere e provenienza, autoriale, popolare e di ogni periodo storico. Sono del parere che nel cinema esista l'oggettività così come la soggettività, per cui scelgo sempre un approccio pacifico verso chi ha pareri diversi dai miei, e anzi, sono più interessato ad ascoltare un parere differente che uno affine al mio.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[streamweasels layout="status" channels="npcmagazine" game="" team="" ]