fbpx

Regina King: dopo «Watchmen», il debutto da regista

5 minuti di lettura

Regina King, recentemente apparsa nella serie tv Watchmen, si prepara al suo debutto da regista. One Night in Miami sarà un dramma biografico su Cassius Clay (per i più, Muhammad Alì), sceneggiato da Kemp Powers. La vincitrice di un Oscar e di un Golden Globe come Miglior Attrice non protagonista in Se la strada potesse parlare, è entusiasta della nuova esperienza alla regia e ha mostrato la prima immagine del film.

regina king watchmen

La storia dei neri È la storia dell’America! Sono così eccitata perché oggi, in occasione del Juneteenth, condividiamo questa prima immagine del nostro film #OneNightinMiami. Non vedo l’ora che tutti voi vediate la bellezza che questi fratelli portano alle loro interpretazioni di Malcom X, Sam Cooke, Cassius Clay e Jim Brown.

Regina King (@ReginaKing) su Twitter, 19 giugno 2020

Il film è stato girato a New Orleans. Il candidato all’Oscar Terence Blanchard (BlaKkKlansman, Da 5 Bloods) si è occupato della colonna sonora, Tami Reiker (Beyond the Lights – Trova la tua voce) della fotografia. La costumista è Francine Jamison-Tanchuck (Il diritto di opporsi), lo scenografo Barry Robison (La battaglia di Hacksaw Ridge) e il montatore Tariq Anwar (Il discorso del re). Jody Klein, Keith Calder e Jess Wu Calder hanno prodotto la pellicola.

La storia di «One Night in Miami»

regina king watchmen
Malcom X e Cassius Clay nel 1964

Il film racconta una vicenda che coinvolse il pugile Cassius Clay (Eli Goree), il calciatore Jim Brown (Aldis Hodge), il cantante Sam Cooke (Leslie Odom Jr) e il leader politico Malcom X (Kingsley Ben-Adir). È ambientato nella notte in cui fecero un grande passo verso la consacrazione come icone dei diritti civili. È il 25 febbraio 1964 e Cassius Clay sconfigge il campione di boxe dei pesi massimi Sonny Liston al Miami Beach Convention Center. A causa della segregazione razziale, non può festeggiare sull’isola e si rifugia all’Hapton House Motel, situato in un quartiere nero di Miami. Lì incontra il gruppo di uomini appena citati e trascorre la notte a parlare con loro.

Leggi anche: Black Lives Matter: 5 serie tv per uno sguardo consapevole

Regina King e «Watchmen»: dove vedere la serie gratis adesso

regina king watchmen

Regina King rilascia la foto proprio nel weekend del Juneteenth, la ricorrenza che celebra la fine della schiavitù negli Stati Uniti. Il razzismo è un tema caro all’attrice, che, da donna nera inserita nel mondo del cinema, deve lottare ogni giorno contro gli stereotipi. «Da attrice nera, spesso cerco di combattere per non interpretare personaggi che sono basati soltanto sull’essere neri» ha affermato in un’intervista per Entertainment. Per Regina King, ruolo di Sorella Notte in Watchmen è stato magnifico proprio perché HBO non l’ha richiesta solo in quanto nera. Sorella Notte, è vero, non potrebbe essere interpretata da una donna bianca, il personaggio non dimentica né le sue origini né l’appartenenza alla comunità nera, ma non vive di stereotipi.

regina king watchmen
Il massacro di Tulsa in Watchmen

Leggi anche: «Watchmen», fumetto e serie tv tra distopia e realtà

Inoltre l’episodio pilota di Watchmen ha contributo a far conoscere il massacro razziale di Tulsa del 1921, tragico evento spesso ignorato, e non ha risparmiato critiche al Ku Klux Klan. Per questi motivi, il produttore della serie, HBO, ha voluto permettere a tutti, abbonati e non, di vedere Watchmen. Dal 19 al 21 giugno è possibile vedere (gratuitamente) la serie sulla piattaforma online di HBO.

Il servizio è valido anche per chi si trova in Italia (è sufficiente inserire mail e data di nascita) e, come abbiamo detto, è gratuito. Qualche giorno fa HBO aveva fatto discutere per la scelta di togliere temporaneamente dal catalogo Via col vento, in attesa di un’introduzione che contestualizzasse i contenuti razzisti del film. Per ora, sembra che l’emittente televisiva statunitense continuerà a supportare attivamente la causa del movimento Black Lives Matter.

Leggi anche: Il meglio della settimana su Frammenti rivista


Seguici su Instagram, Facebook e Telegram per scoprire tutti i nostri contenuti!

Agata Iacopozzi

Classe 1998, capitata qui un po' per caso. Sono toscana ma studio al DAMS di Bologna. Ovviamente appassionata di cinema e futura disoccupata. Sono la prova che si può amare Godard indossando t-shirt di Star Wars.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.