«Ultras», il tifo e la violenza

Caricato sulla piattaforma Netflix lo scorso 9 Marzo, Ultras è un film che ha fatto subito parlare di sé. Trattando di temi come il tifo ed il suo portato di violenza, ha subito scatenato reazioni divise e contrastanti, a tratti polemiche, in special modo dai mondi della tifoserie.

Francesco Lettieri, noto creatore di videoclip musicali dal grande successo, si cimenta in un’opera prima dalla materia difficile e magmatica, come il Vesuvio che fa da sfondo alle avventure dei protagonisti. Un tentativo di capire perché guardare Ultras.

«Ultras», trama

A Napoli vive Sandro (Aniello Arena), un uomo di mezza età che guida una frangia degli ultras napoletani, gli Apache. Colpito da Daspo, prova a vivere una vita normale lontano dagli stadi. L’incontro con Terry (Antonia Truppo) dovrebbe rappresentare una nuova fase. Ma è troppo importante per il suo vecchio gruppo di amici, di cui rappresenta ancora una guida spirituale. Tra i più giovani ha preso sotto affido personale il sedicenne Angelo (Ciro Nacca). Da quando ha perso suo fratello, coinvolto in uno scontro tra ultras, il ragazzo ha trovato negli Apache una seconda famiglia.

Forma e contenuto

La qualità della creazione formale di Ultras è indubbia: long take, primi piani, camera che si allontana, cambiamenti bruschi di prospettiva, figure capovolte. E poi ombre e luci diafane, che esplodono in tinte scure. In effetti non riesce mai ad emergere una tavola di colori positiva: le tinte sono sempre fredde e gelide, sempre fanno trasparire una sensazione di distanza e impossibile umanità tra i protagonisti.

Il film non parla di calcio. La materia sportiva è un semplice pretesto per raccontare le vicende personali dei tifosi. I protagonisti sono segnati da un’indubbia violenza repressa, che è spesso il frutto di situazioni personali disagevoli se non all’orlo del dramma.

Ultras

Un tentativo di sintesi

Come opera prima, si deve sicuramente apprezzare lo sforzo registico di plasmare, in un’estetica notevolmente limata, la materia grezza del tifo. Tuttavia il film non è esente da alcune critiche, che si possono rintracciare, per esempio, nel rifiuto del tifo partenopeo di riconoscersi in questo prodotto.

Leggi anche:
Guns Akimbo, la follia sbarca su Amazon Prime Video

Non pare, a chi scrive, che l’opera voglia essere una generalizzazione di quel fenomeno, così complesso e spesso ben più virtuoso, che è il mondo ultras. Pare, piuttosto, che abbia voluto inserirsi in quel solco del gangster movie all’italiana, di matrice napoletana, il cui prodotto più riconoscibile e notevole è Gomorra (2008). Sotto questo aspetto è criticabile: non riesce a portare nessuna novità, non si distingue in maniera significativa, non mostra innovazioni di contenuto.

I due temi forti, il tifo e la violenza, si legano nel film ma non in maniera indissociabile: una possibilità di vita e di passione diversa sono possibili, nonostante la drammaticità del finale.

Seguici su NPC Magazine

Le nostre guide di sopravvivenza alle sale chiuse:
Un film al giorno, guida definitiva alla quarantena

4 imperdibili film Cult da vedere su Netflix
4 imperdibili film Cult da vedere su Amazon Prime Video

4 imperdibili film Cult da vedere su RaiPlay
4 imperdibili serieTV da vedere su Sky e NowTV
4 imperdibili film Horror da vedere su Netflix
10 cortometraggi da vedere (e amare) in questi giorni


 

* * *

Sì, lo sappiamo. Te lo chiedono già tutti. Però è vero: anche se tu lo leggi gratis, fare un giornale online ha dei costi. NPC Magazine è una rivista edita da una piccola associazione culturale no profit, Il fascino degli intellettuali. Non abbiamo grandi editori alle spalle, anzi: siamo noi i nostri editori. Per questo te lo chiediamo: se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione. Libera, a tua scelta. Anche solo 1 euro per noi è molto importante, per poter continuare a essere indipendenti, con la sola forza dei nostri lettori alle spalle.

Stefano Sogne